Il tè dimezza il rischio di demenza

Particolarmente efficace nei portatori di una precisa mutazione genetica

Varie_10481C.jpg
Keywords | tè, Alzheimer, placche,

Bere tè previene la demenza senile. È la conclusione di uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition, Health and Aging da un team di ricercatori dell'Università di Singapore guidati dal dott. Feng Lei.
Stando ai dati, una sola tazza di tè al giorno, di qualsiasi varietà, avrebbe l'effetto di ridurre del 50 per cento il rischio della malattia. Ma i portatori di una particolare mutazione genetica beneficerebbero addirittura di una riduzione del rischio pari all'86 per cento. Il gene coinvolto si chiama APOE, che nella variante dell'allele E4 sembra favorire la comparsa del morbo di Alzheimer.
Lo studio ha coinvolto 957 soggetti dai 55 anni in su per un totale di 7 anni. I volontari sono stati divisi in due gruppi: portatori della variante genetica e non portatori.
Le sostanze responsabili del benefico effetto sono i già noti flavonoidi e le catechine, anti-infiammatori naturali che svolgono un'azione protettiva sul cervello.
Anche una ricerca dell'Università del Michigan conferma indirettamente questi risultati. In questo caso, gli scienziati americani, che hanno pubblicato la loro analisi su Pnas, si sono concentrati sugli effetti del tè verde, che avrebbe la capacità di ostacolare la formazione di placche amiloidi nel cervello attraverso l'inibizione di specifiche proteine associate non solo all'insorgenza del morbo di Alzheimer, ma anche di altre patologie neurodegenerative.
I ricercatori hanno utilizzato un estratto di tè verde per controllare la generazione di aggregati di beta-amiloide correlati al morbo di Alzheimer. La molecola associata all'effetto benefico sarebbe l'epigallocatechina gallato (EGCG), la catechina più presente all'interno del tè verde. L'EGCG sarebbe in grado di impedire la formazione di aggregati, abbattendo peraltro le esistenti strutture di aggregati nelle proteine contenenti metalli come rame, ferro e zinco.
Ora i ricercatori cercheranno di testare sui moscerini della frutta questa proprietà attribuita al tè verde, che altre ricerche in passato hanno associato a una serie infinita di effetti benefici, fra i quali la protezione nei confronti di tumori, colesterolo e riniti allergiche.
Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
17/03/2017



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

Un chip per riattivare un arto paralizzato  18439
Trattamento sperimentale per la riattivazione muscolare

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  15782
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Consigli di cuore per vacanze sicure  15585
Suggerimenti utili per cardiopatici e ipertesi

Epatite C, disponibile nuova combinazione   15568
Parere positivo per Vosevi

Alzheimer, ecco cosa succede alla proteina Tau  15568
Scoperta fondamentale per la messa a punto di nuovi farmaci

Nuovo farmaco per la sclerosi laterale amiotrofica  15561
Approvato e disponibile in Italia Radicut

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante