Sarcomi, la tecnica CAR-T può funzionare

La manipolazione genetica è una strada percorribile

Tumori_14287C.jpg
Keywords | sarcomi, CAR-T, manipolazione,

Una speranza di guarigione dai sarcomi viene dalla tecnica CAR-T.
La tecnica punta alla manipolazione genetica delle cellule del sistema immunitario allo scopo di “addestrare” i linfociti a riconoscere e aggredire i tumori.
I sarcomi sono fra i tumori meno frequenti ma anche più difficile da trattare, e l’annuncio del possibile utilizzo della CAR-T dato dal ricercatore Robbie Majzner non può che alimentare le speranze dei malati.
"La nuova tecnica che utilizza linfociti ingegnerizzati CAR-T - spiega Majzner, che lavora presso il Lucile Packard Children's Hospital di Stanford - è dimostrato che funzioni bene in tumori come la leucemia e il linfoma. La tecnica è infatti già registrata dagli enti regolatori per il trattamento, appunto, della leucemia. Abbiamo quindi tentato lo stesso approccio con il sarcoma e lo abbiamo fatto in un primo esperimento sui topi. Abbiamo quindi visto che nei topi con sarcoma trattati con la terapia CAR-T i tumori sparivano e gli animali sopravvivevano. Siamo eccitatissimi per questi risultati e speriamo di avviare il prima possibile la sperimentazione sugli esseri umani. Il primo trial clinico di questo tipo al mondo partirà nel giro di un anno presso l'Università di Stanford e coinvolgerà una trentina di pazienti".
Anche le terapie tradizionali però stanno progredendo. Sant Chawla, responsabile del Sarcoma Oncology Center di Santa Monica in California, spiega: "Abbiamo completato la fase tre di sperimentazione per un nuovo tipo di chemioterapia, con la molecola aldoxorubicina, che sta dimostrando un alto tasso di risposta e ha il grande vantaggio di non presentare effetti tossici per il cuore. La terapia sarà presto al vaglio dell'Fda, l'autorità regolatoria Usa per i farmaci".
Sono in fase di sperimentazione anche altri trattamenti “misti”, combinazioni di chemioterapici e immunoterapici che puntano a risvegliare il sistema immunitario.
"Combinazioni - afferma Chawla - che lasciano ben sperare e che hanno fatto registrare, in fase di sperimentazione clinica sui pazienti, periodi liberi dalla malattia di oltre 6 mesi".

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
08/03/2019



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  40500
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Sciroppo e sprite, la nuova droga si chiama Purple Drank  37020
Noto anche come Sizzurp, il miscuglio assicura lo sballo a prezzi modici

Mieloma multiplo, disponibile ixazomib  33709
Primo e unico inibitore orale del proteasoma

Arriva la super pelle  33218
L’epidermide hi-tech restituisce la sensibilità perduta

Pensieri e parole  32898
Un sistema in grado di leggere nel pensiero

Cancro del colon, nuova combinazione efficace  31141
Studio di fase III su pazienti con mutazione Braf

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.