Il cordone ombelicale per prevenire il diabete

Cellule ricavate e reinfuse da piccoli prevengono la forma primaria

Gravidanza_12453C.jpg
Keywords | cordone, diabete, cellule,

Una bambina australiana è diventata la più giovane paziente al mondo a ricevere cellule del proprio cordone ombelicale allo scopo di prevenire l'insorgenza del diabete di tipo 1.
Lucy Hinchion, di 20 mesi, è stata operata nell'ambito di uno studio della durata di 5 anni avviato presso il Children's Hospital di Sydney. I ricercatori australiani sperano che l'uso di cellule provenienti dal cordone ombelicale si trasformi in un innovativo trattamento per il diabete di tipo 1.
Le cellule in questione sono denominate cellule T regolatorie (Tregs), la cui efficacia è stata già sperimentata in passato in vari studi. Lucy ha partecipato allo studio perché la mamma, Sonya, ha deciso di conservare il suo cordone ombelicale allo scopo di aiutare un giorno la sorellina di 7 anni, Ava, che ricevette la diagnosi di diabete di tipo 1 all'età di 3 anni.
Il cordone ombelicale di Ava non fu invece conservato perché non c'erano precedenti in famiglia della malattia, come ha spiegato la signora Hinchion all'Australian Associated Press. Quando Lucy è risultata positiva a due anticorpi che indicano il possibile sviluppo di diabete di tipo 1, il sangue del cordone ombelicale conservato è stato utilizzato in una procedura durata circa 20 minuti.
Il plasma del cordone ombelicale può essere conservato fino a 24 anni. La signora Hinchion ha spiegato che la decisione di utilizzarlo è stata semplicissima dal momento che la procedura può, male che vada, regalare almeno qualche anno a Lucy prima che il diabete si sviluppi.
Nei prossimi 3 anni, la prof.ssa Maria Craig seguirà con costanza l'evoluzione delle condizioni di salute della piccola, con visite ed esami a scadenze programmate.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
11/01/2017



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  26802
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

In vacanza con i bambini nei paesi esotici  20934
Consigli, profilassi, terapie e vaccini per prevenire le malattie infettive

Alzheimer, ecco cosa succede alla proteina Tau  20670
Scoperta fondamentale per la messa a punto di nuovi farmaci

Nuovo farmaco per la sclerosi laterale amiotrofica  20478
Approvato e disponibile in Italia Radicut

Obesità, diabete e cancro al seno: la firma genetica è una  19684
Ricercatori italiani svelano il nesso comune alle tre malattie

Ocrelizumab, nuovo farmaco per la sclerosi multipla  19560
L'efficacia di Ocrelizumab e del suo meccanismo d'azione

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante