I cibi ricchi di omega-3 fanno bene al cuore

Migliorano la qualità e l’aspettativa di vita degli infartuati

Allergie_11822C.jpg
Keywords | omega-3, infarto, pesce,

Un nuovo studio segnala l’importanza di consumare cibi ricchi di omega 3 per la salute del cuore.
In particolare, i risultati della ricerca apparsa sul Journal of the American College of Cardiology mostrano che l’approccio alimentare può migliorare la qualità e l’aspettativa di vita di chi ha subito un infarto del miocardio. I dati dimostrano che i soggetti colpiti da infarto con i livelli più alti nel sangue di acido eicosapentaenoico
(Epa) e di acido alfa-linolenico (Ala) sono anche quelli che corrono un rischio inferiore di eventi avversi clinici.
«L'articolo è importante perché mette in evidenza gli effetti complementari (e non
competitivi) dei due tipi di omega-3», ha spiegato uno degli autori Aleix Sala, dell'Instituto de Salud Carlos III di Madrid.
Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno utilizzato i dati di quasi 950 pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario, i cui livelli di acidi grassi omega-3 sono stati determinati al momento del ricovero in ospedale.
Il livello degli omega-3 indicava il tipo di alimentazione seguita nelle settimane precedenti all’infarto.
Il follow up di 3 anni ha mostrato che i pazienti con livelli più elevati di omega-3 avevano un rischio inferiore di complicanze. Nei 3 anni 211 pazienti hanno subìto eventi cardiovascolari avversi maggiori (Mace), 108 sono morti e 130 sono stati di nuovo ricoverati per problemi cardiovascolari.
La ricerca mostra che i due acidi erano complementari l’uno all’altro. Gli Epa, presenti nell’olio di pesce, fornivano protezione nei confronti dei Mace, mentre gli Ala, che si trovano soprattutto nelle noci e nella soia, riducevano il rischio di morte generale.
Il consumo di questi cibi ha l’effetto di arricchire le membrane dei cardiomiociti, un aspetto che limita il danno miocardico associato a ischemia.
«Incorporare gli omega-3 marini e vegetali nella dieta dei pazienti a rischio di malattie cardiovascolari è una strategia integrativa per migliorare sia la loro qualità di vita che la prognosi in caso di infarto», ha dichiarato Antoni Bayés dell'Hospital Universitari Germans Trias i Pujol di Barcellona, un altro scienziato che ha partecipato alla ricerca.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Piccoli
13/01/2021



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

La crisi mette a rischio la salute  57847
Il consumo di cibi sani diminuisce, si alza quello degli antidepressivi

Cancro alla vescica, perché la cura funziona solo su alcuni  57784
Scoperto il meccanismo di azione della mitomicina C

Rifamicina per la sindrome dell’intestino irritabile  57600
Indicata nei pazienti con diarrea predominante

Alzheimer, donanemab rallenta il declino cognitivo  57586
Risultati positivi per il farmaco in sperimentazione

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  57012
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Dagli States arriva il Woga  56973
Yoga in acqua per rilassarsi

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.