La nuova tecnica che ringiovanisce lo sguardo

Si chiama G-Point Lift e con un filler solleva guancia e palpebra

Varie_13332C.jpg
Keywords | sgaurdo, filler, palpebra,

L’area intorno agli occhi è la prima parte del viso a mostrare i segni dell’invecchiamento e i trattamenti per ringiovanire lo sguardo sono, da sempre, fra i più richiesti dai pazienti. Il punto chiave dove si manifestano difetti e perdita di volumi è quello che gli esperti chiamano “eyelid-cheeck junction”, cioè l’area di transizione tra la palpebra inferiore e la guancia.
«È qui che sono visibili sia difetti costituzionali che possono essere presenti anche in giovane età come occhiaie e cerchi scuri, sia i primi segni dell’invecchiamento con lassità cutanea e borse. La complessa anatomia di questa zona del volto, con la presenza di legamenti saldamente attaccati all’osso, la rende anche molto difficile da trattare senza ricorrere a metodi invasivi, come la tradizionale blefaroplastica»: a spiegarlo è Francesco Bernardini, chirurgo oculoplastico specializzato nell’estetica dello sguardo, che ha messo a punto un’innovativa tecnica di recente pubblicata sul Journal of Cosmetic Dermatology. Si chiama G-Point Lift e il nome rivela come agisce: sollevando guancia e palpebra mediante l’iniezione, in un punto strategico denominato G-Point, di un filler a base di acido ialuronico adatto a dare supporto e compattezza.
«Non “riempire”, ma “sollevare” – sottolinea Bernardini –. È questo approccio chirurgico nell’uso del filler che fa la differenza. Sfruttiamo le caratteristiche fisiche di un filler ad alto G-Prime, con capacità liftante, per sostenere e supportare la palpebra, ottenendo un effetto lifting, e completiamo il trattamento con un filler dedicato alla palpebra e per questo molto delicato, per lavorare sulle transizioni, dando un “effetto Photoshop”, che leviga e rifinisce». Fondamentali per la riuscita del trattamento sono, naturalmente, l’approfondita conoscenza dell’anatomia del volto, per individuare correttamente il punto dove praticare l’iniezione, e la scelta del filler a base di acido ialuronico più appropriato, a seconda dell’obiettivo da ottenere e delle caratteristiche della pelle e dei tessuti: in particolare, spiega il dottor Bernardini, «come filler ad effetto liftante (alto G-Prime) utilizzo alternativamente Ultradeep o RHA4 (Teoxane), mentre come filler dedicato alla palpebra (a basso G-Prime) prediligo il Redensity II (Teoxane), l’unico che è indicato per il trattamento della parte più delicata, ossia la palpebra inferiore».
Negli ultimi anni il dottor Bernardini ha trattato con successo l’area infra-orbitaria di centinaia di pazienti utilizzando la tecnica G-Point Lift con risultati eccellenti in termini di soddisfazione dei pazienti e assenza di effetti indesiderati. «La tecnica di correzione con i tradizionali filler iniettati a livello della ‘valle lacrimale’ dà risultati limitati, poco duraturi e può essere fonte di complicazioni per via della notevole quantità di filler necessaria a riempire i vuoti – specifica Bernardini –. Al contrario, la tecnica chirurgica della blefaroplastica dà risultati duraturi e significativi, ma con costi alti e tempi di recupero postoperatori lunghi».
Il G-Point Lift si pone come alternativa a entrambe le soluzioni, offrendo un risultato ‘chirurgico’ con una tecnica non invasiva: il trattamento dura circa 30 minuti, il paziente non sente dolore, il rischio di ecchimosi è minimo e il recupero immediato. I risultati rimangono visibili almeno per un anno: i trattamenti, quindi, possono essere molto più distanziati rispetto a quelli che prevedono l’uso di filler tradizionali.

Domanda al medico specialista gratis

Andrea Sperelli
11/01/2021



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

La crisi mette a rischio la salute  57847
Il consumo di cibi sani diminuisce, si alza quello degli antidepressivi

Cancro alla vescica, perché la cura funziona solo su alcuni  57784
Scoperto il meccanismo di azione della mitomicina C

Rifamicina per la sindrome dell’intestino irritabile  57600
Indicata nei pazienti con diarrea predominante

Alzheimer, donanemab rallenta il declino cognitivo  57591
Risultati positivi per il farmaco in sperimentazione

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  57026
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

Dagli States arriva il Woga  56986
Yoga in acqua per rilassarsi

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.