Laserlipolisi per la cellulite, il laser «cancella-grasso»

Nuova tecnica meno invasiva e più efficace

Cellulite_12909C.jpg
Keywords | cellulite, laser, lipolisi,

L’inverno sta finendo e, come tutti gli anni, si corre ai ripari per tentare di rimediare ai danni degli stravizi o della semplice pigrizia degli ultimi mesi. Non solo palestra e dieta, la primavera, si sa, è il periodo in cui si registra un picco nelle richieste di ritocchi estetici. Ma come sono cambiate le esigenze delle donne? Intanto è risaputo che, grazie ai grossi progressi della tecnologia medicale, anche le persone meno esperte sanno che possono ottenere risultati importanti senza l’uso del bisturi. Tra gli interventi più interessanti e più amati in questo periodo c’è la laserlipolisi con SmartLipo DEKA, tecnica di nuova generazione per la liposcultura.
«SmartLipo è un sistema laser la cui applicazione principale è la laserlipolisi, un trattamento di liposcultura laser-assistito di concezione totalmente rivoluzionaria, così minimamente traumatico da esercitare forte appeal su un target infinitamente più ampio di quello interessato ai metodi di intervento tradizionali. Infatti, la possibilità di effettuare gli interventi ambulatorialmente e di non dover aspirare il lisato, ottenuto dall’azione laser, permette di offrire una tecnica più “leggera”, facilmente fruibile e molto apprezzata dai pazienti», spiega il dottor Riccardo Bosco, chirurgo plastico, che opera fra Milano, Pavia e Lecco.
La tecnica utilizza l’elevata potenza di picco dell’emissione laser Nd:YAG per rompere le membrane degli adipociti. La laserlipolisi rappresenta dunque una evoluzione della liposcultura: è una tecnica innovativa studiata appositamente per rimuovere l’eccesso di tessuto adiposo mediante l’interazione selettiva di un fascio laser con gli adipociti. Il risultato è la denaturazione e la rottura della membrana delle cellule adipose e la fuoriuscita del loro contenuto, eliminato tramite le vie naturali. Contemporaneamente, per fotocoagulazione vengono chiusi i piccoli vasi sanguigni così da ridurre la perdita ematica. Infine, lavorando negli strati più superficiali, è possibile eseguire dall’interno la fotostimolazione del collagene dermico che ne induce lo shrinkage con conseguente tightening del tessuto cutaneo.
«La SmartLipo si rivolge ai professionisti medici che praticano la terapia delle adiposità mediante liposuzione, liposcultura e liposcultura tumescente e che vogliono ampliare la loro offerta terapeutica. Oggi le mie pazienti la richiedono molto più frequentemente della classica liposuzione: posso affermare che ci si sta spostando in questa direzione per un buon 70% proprio perché si prediligono sempre più spesso i trattamenti minimamente invasivi. Nel corso dell’intervento di laserlipolisi la luce laser è veicolata tramite microcannule del diametro di un millimetro in cui si inserisce una fibra ottica di soli 300 nanometri (0,3 mm), cosa che rende questa tecnica nettamente meno traumatica rispetto alle tecniche tradizionali», specifica il dott. Bosco.
«Il principale vantaggio della laserlipolisi, rispetto alla tecnica tradizionale, è rappresentato dalla possibilità di ottenere il "thightening" del tessuto trattato ovvero una sorta di ritonificazione della cute nelle aree lipoaspirate che normalmente invece tende a collassare e rilasciarsi. La minor invasività gioca un altro ruolo importante a vantaggio della SmartLipo così come i costi che risultano globalalmente più contenuti, non essendo mai necessario un ricovero in clinica né una notte di degenza», conclude Bosco.
Domanda al medico specialista gratis

Arturo Bandini
17/03/2017



Condividi la notizia Invia ad un amico Condividi la notizia su Facebook Tieniti aggiornato tramite RSS Pubblica su Twitter Salva su OKNO
Più lette

I segni che indicano la morte imminente in oncologia  40102
Studio evidenzia la comparsa di segni fisici nei malati di cancro

In vacanza con i bambini nei paesi esotici  25644
Consigli, profilassi, terapie e vaccini per prevenire le malattie infettive

Gonartrosi, cos'è e come si cura  22713
Informazioni sulla più comune malattia degenerativa da usura del ginocchio

Alzheimer, ecco cosa succede alla proteina Tau  21597
Scoperta fondamentale per la messa a punto di nuovi farmaci

Ocrelizumab, nuovo farmaco per la sclerosi multipla  21481
L'efficacia di Ocrelizumab e del suo meccanismo d'azione

Come superare la depressione post separazione  21065
La fine di un matrimonio, una sofferenza sottovalutata

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicit su Italia SaluteAvvertenze privacy

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante