Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Alzheimer, la proteina Bdnf è un alleato della memoria

Livelli più elevati proteggono dalle alterazioni del morbo

Invecchiamento_10660.jpg

Concentrazioni più elevate di Bdnf (Brain Derived Neurotrophic Factor) assicurano maggiori capacità cognitive. Lo dice uno studio pubblicato su Neurology da un team del Rush University Medical Center di Chicago guidato da Aron Buchman.
Secondo l'ipotesi di lavoro, livelli più alti di Bdnf potrebbero garantire al cervello protezione contro le alterazioni del morbo di Alzheimer.
Lo studio ha visto la partecipazione di 535 persone con un'età media di 81 anni, seguite fino al momento della morte, avvenuta in media 6 anni dopo l'inizio del trial. I volontari sono stati tutti sottoposti a test annuali sulle loro capacità cognitive. I risultati sono stati analizzati da un neurologo per stabilire se ci fossero o meno segni di demenza, decadimento lieve oppure nessun problema da segnalare. Dopo il decesso, i partecipanti sono stati sottoposti ad autopsia, con relativa misurazione della ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | BDNF, invecchiamento, deterioramento,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 27143 volte