Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Il precondizionamento ischemico remoto

Danni renali ridotti nei pazienti ad alto rischio

Il precondizionamento ischemico remoto riesce a ridurre i rischi di danni renali dopo la chirurgia cardiaca nei pazienti ad alto rischio. Lo afferma uno studio pubblicato su Jama da un team dell'Ospedale Universitario di Munster, in Germania.
Alexander Zarbock, coordinatore della ricerca, spiega: “il precondizionamento ischemico remoto serve a proteggere gli organi contro il danno tissutale che può verificarsi quando il normale flusso di sangue viene ripristinato in un tessuto temporaneamente privato di ossigeno”
Prima dell'intervento i chirurghi posizionano un manicotto dell'apparecchio per misurare la pressione al fine di bloccare la circolazione nel braccio del paziente, gonfiando e sgonfiando il manicotto prima di procedere con l'operazione.
“Il metodo è in grado di ridurre l'attivazione delle piastrine che si verifica durante la procedura chirurgica, con un effetto protettivo ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cuore, pressione, precondizionamento, ischemico,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 26903 volte