Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Rivaroxaban e Vka nella fibrillazione atriale non valvolare

Farmaco si rivela superiore rispetto agli antagonisti della vitamina K

Varie_13007.jpg

In caso di fibrillazione atriale non valvolare nei pazienti avviati a cardioversione, l’anticoagulante orale rivaroxaban si è rivelato superiore in termini di protezione dagli eventi trombotici rispetto agli antagonisti della vitamina K (Vka).
Anche il rischio di sanguinamenti maggiori risulta notevolmente ridotto. Ad affermarlo è lo studio X-VeRT, presentato nel corso del congresso della European Society of Cardiology di Barcellona.
Il dott. Riccardo Cappato, direttore del centro di Aritmologia Clinica ed Elettrofisiologia del Policlinico San Donato di Milano, spiega: “si tratta del primo studio prospettico che ha valutato un nuovo anticoagulante orale in questa situazione clinica, in precedenza erano disponibili solo i riscontri di analisi post-hoc sui dati di vari studi di fase III”.
Il team diretto da Cappato ha dimostrato che l’impiego di rivaroxaban al posto dei Vka è ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | fibrillazione, atriale, rivaroxaban,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 26902 volte