Sezioni medicina


Pubblicita Pubblicita

Gestione della temperatura corporea per l'arresto cardiaco

Misura neuroprotettiva utile stando ai risultati

Varie_13487.jpg

Gestire la temperatura corporea in soggetti colpiti da arresto cardiaco si rivela una misura neuroprotettiva utile. Lo ha stabilito uno studio della Lund University, in Svezia. L'analisi, che ha riguardato due diverse gestioni della temperatura corporea, ha permesso di concludere che la qualità della vita nei pazienti trattati si è attestata su buoni livelli e che la funzione cognitiva era sovrapponibile al normale trattamento.
Lo studio, pubblicato su Jama, è stato coordinato dal dott. Niklas Nielsen, che spiega: “le lesioni cerebrali sono la prima causa di morte nei ricoverati in unità di terapia intensiva dopo un arresto cardiaco extraospedaliero, e la gestione mirata della temperatura corporea è stata proposta come trattamento neuroprotettivo in base al miglioramento della sopravvivenza segnalato da diversi studi”.
Per questo gli scienziati svedesi hanno confrontato l'effetto di ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | arresto, cardiaco, temperatura,

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 26991 volte