Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 299

Risultati da 141 a 150 DI 299

14/06/2012 L'alterazione di una proteina causa una malattia di origine genetica

Scoperta una nuova malattia intestinale e la sua causa
In via di pubblicazione sul New England Journal of Medicine uno studio che identifica e descrive per la prima volta una malattia genetica fino ad oggi sconosciuta causata da amiloidosi. Quest’ultima è un fenomeno patologico che determina la perdita di struttura in una data proteina, con la formazione di fibre allungate e robuste (fibrille amiloidi), che si depositano nell’organismo con effetti nocivi per gli organi interessati, e in ultima analisi per la salute generale.
Lo studio è stato ... (Continua)

16/05/2012 21:21:02 In Andalusia si sta sintetizzando un antiossidante

Dalla spremitura delle olive un prodotto per il Parkinson
La sansa è tipicamente ciò che resta quando si produce l’olio di oliva, si tratta di residui di bucce e ossi dell’oliva stessa. Da un recente studio si evince che questa possieda un’azione di tipo antiossidante che potrebbe risultare efficace in malattie come il Parkinson. La ricerca è condotta da un gruppo di studiosi spagnoli, che stanno cercando di sintetizzare un prodotto antiossidante utilizzabile come base per la produzione di molecole di nitrocatecolo, sostanza che ha mostrato una ... (Continua)

14/05/2012 09:56:16 Soluzione nanotecnologica per le malattie da stress ossidativo

Le nanoparticelle che proteggono le cellule
Le nanoparticelle di ossido di cerio (nanoceria), utilizzate attualmente in vari campi industriali, sarebbero in grado di proteggere le cellule dallo stress ossidativo e quindi in previsione dalle diverse patologie correlate, in particolare il cancro.
È questa la scoperta di un gruppo di ricercatori dell’Università Roma Tor Vergata - in collaborazione con l’Istituto BioLink di Roma e l’International Research Center for Materials Architectonics (MANA) di Tsukuba, in Giappone - evidenziata in ... (Continua)

27/04/2012 Ricerca italo-americana indaga il ruolo del Dna nell'insorgenza della malattia

Varianti genetiche favoriscono il cancro alla prostata
Due alterazioni genetiche rendono più probabile lo sviluppo di un cancro alla prostata, e soprattutto lo rendono più aggressivo. La scoperta è merito del lavoro della ricercatrice italiana Francesca Demichelis del Cibio (Centro interdipartimentale per la biologia integrata) dell'Università di Trento, che si è avvalsa della collaborazione di alcuni colleghi americani della Cornell University.
Lo studio, pubblicato su Pnas, si è concentrato sul nesso fra patrimonio genetico e probabilità di ... (Continua)

23/04/2012 22:43:59 La ricerca per la sclerosi multipla, del m. di Parkinson e disturbi del sonno
Nuovi dati sui prodotti per il Sistema Nervoso Centrale
Trenta abstract presentano i dati sulle terapie già commercializzate e su quelle innovative in fase di sperimentazione per il SNC, tra cui il farmaco più utilizzato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS), Copaxone (R) (glatiramer acetato per via sottocutanea ); Laquinimod, terapia orale in sperimentazione per la sclerosi multipla recidivante-remittente; Azilect (R) (rasagilina in compresse), un inibitore delle MAO-B per il trattamento del morbo di Parkinson, e ... (Continua)
12/04/2012 17:58:19 La pelle e il cordone ombelicale le fonti da cui attingere

Una nuova frontiera per le cellule staminali e i neuroni
Sarà dunque possibile trasformare le cellule della cute e del cordone ombelicale in neuroni grazie ad una tecnica innovativa messa a punto da studiosi del Bonn Institute of Reconstructive Neurobiology in Germania. Essi sono riusciti a produrre cellule nervose adulte partendo dalle staminali totipotenti della pelle.
"Finora, la produzione di cellule staminali pluripotenti, sebbene dispendiosa e lunga, è considerata l'ultima frontiera dello biologia dello sviluppo. “Nel frattempo, era ... (Continua)

06/04/2012 Tè, mele e vino rosso potrebbero tenere lontano questa malattia

Protetti dal Parkinson con i flavonoidi
Per il morbo di Parkinson un ruolo protettivo potrebbe essere svolto dai flavonoidi. Lo afferma uno studio dell’Harvard University e della University of East Anglia, pubblicato sulla rivista Neurology.
Molte patologie sembrano beneficiare di questi elementi biochimici, quali le cardiopatie ischemiche, l’ipertensione arteriosa e alcune tipologie di tumori e persino qualche forma di demenza, in questa nuova ricerca si vuole dimostrare che i flavonoidi manifestano un’azione protettiva sui ... (Continua)

02/03/2012 13:41:22 Scoperto alla base della malattia un eccesso di manganese

Un nuovo Parkinson dovuto ad una mutazione genetica

Trovata una variante genetica del morbo di Parkinson, a portare a termine questo risultato è stato il gruppo di studio universitario di Santa Maria delle Scotte a Siena, che ha identificato una nuova forma della malattia.
Si tratterebbe di un tipo di morbo di Parkinson che avrebbe una base genetica e in cui un eccesso di manganese nell’organismo sarebbe il responsabile della sintomatologia tipica del disturbo.
La ricerca è stata condotta in collaborazione con studiosi ... (Continua)

20/02/2012 15:53:59 I “quantum dots” usati per una diagnosi precisa

Studiare il tumore cerebrale con il virus Sendai
Il virus Sendai si è dimostrato un vettore eccezionale per i Quantum dots (Qdots); lo afferma una ricerca pubblicata sul Journal of Nanobiotechnology che evidenzia come un tumore cerebrale possa essere studiato grazie a queste nuove metodiche. I Qdots trasportati da proteine virali si legano ai recettori dei fattori di crescita tumorali (EGFR). Grazie a questo modo di targare le cellule sarà possibile studiare meglio i tumori cerebrali e i trattamenti terapeutici. I Qdots sono corpuscoli ... (Continua)

15/02/2012 Stessi effetti del morbo della mucca pazza ma maggior tossicità

Scoperta proteina prionica supertossica
Un team di ricerca americano è autore di una scoperta importante quanto inquietante. I ricercatori dello Scripps Research Institute, in Florida, hanno infatti rivelato l'esistenza di una proteina prionica che produce lo stesso effetto neurodegenerativo del prione che causa il morbo della mucca pazza, ma con una tossicità dieci volte più alta.
Si tratta di una molecola proteica più piccola di altri prioni definiti oligomeri, ma molto più pericolosa. La ricerca, pubblicata su Proceedings of ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale