La mutazione che aumenta il rischio di infarto e ictus

Si può ridurre il rischio nelle persone con mutazione del gene MTHFR

Varie_11043.jpg

Le persone portatrici di una specifica mutazione del gene MTHFR, fino al 20% della
popolazione, hanno la tendenza ad avere un alto livello di omocisteina nel sangue e un rischio aumentato di essere colpite da infarto o ictus. Questo elevato rischio cardiovascolare scaturisce dall’alterata funzione endoteliale e da una aumentata reattività piastrinica che favorisce la comparsa di fenomeni trombotici. Nonostante si possa ottenere la normalizzazione dell’omocisteina attraverso la somministrazione di acido folico e vitamina B12, il rischio cardiovascolare resta
però elevato. Ora una ricerca condotta dal Laboratorio Di Fisiopatologia Vascolare
dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS), dall’Università di Salerno, dall’Università Luigi
Vanvitelli di Napoli e dall’Università di Roma “La Sapienza” mostra una nuova strada
farmacologica per abbassare il rischio cardiovascolare in questi ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cardiovascolare, gene, mutazione,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicitŕ su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 3866 volte