(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) processo che porta all'erezione e al suo mantenimento. Il meccanismo nel suo complesso è stato rivelato da uno studio della Johns Hopkins University School of Medicine, una scoperta che potrebbe aiutare gli scienziati a mettere a punto nuovi trattamenti per l'impotenza. Gli esperti già sapevano da tempo che l'ossido nitrico è la componente fondamentale per l'avvio dei meccanismi che conducono all'erezione, come spiega Arthur Burnett, uno degli autori della ricerca pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences: “si sapeva che l'ossido nitrico, rilasciato attraverso un neurotrasmettitore prodotto nei tessuti nervosi, faceva cominciare l'erezione rilassando i muscoli che permettono al sangue di fluire nel pene. Si pensava che questo fosse solo lo stimolo iniziale: nel nostro nuovo studio abbiamo scoperto che l'ossido nitrico è invece coinvolto nell'intero processo erettile”. Al rilascio iniziale di ossido nitrico fa seguito un processo biochimico denominato fosforilazione che garantisce la continuazione del rilascio della sostanza e di conseguenza il mantenimento dell'erezione ottenuta.
I ricercatori hanno studiato il processo su modello murino, ma le basi biologiche sono le stesse anche nell'uomo, il che lascia supporre la possibilità di realizzazione di nuovi e più mirati trattamenti per la cura della disfunzione erettile.
Leggi altre informazioni
23/10/2012 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante