(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di animali considerati i parenti più prossimi ai vertebrati (il gruppo a cui anche l’uomo appartiene) e, anche per tale motivo, i ricercatori lo stanno studiando da tempo.
Un team internazionale di ricercatori dell’Università di Stanford e dell’Università Statale di Milano, coordinato dalla prof.ssa Lucia Manni del Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, ha pubblicato lo studio Multiple Forms of Neural Cell Death in the Cyclical Brain Degeneration of A Colonial Chordate sulla rivista scientifica «Cells», che evidenzia come questo invertebrato contenga tutti i geni coinvolti nelle malattie neurodegenerative umane e, durante il suo ciclo vitale, le sue cellule nervose invecchino esattamente come nell’uomo.
“Il botrillo, che abbiamo studiato attraverso microscopia elettronica e analisi dell’espressione genica, va incontro naturalmente a neurodegenerazione secondo modalità che potrebbero aiutare la ricerca nell’uomo a trovare strategie, o farmaci, per fermare gravi malattie neurodegenerative”, spiega la prof.ssa Lucia Manni, autore referente dello studio. “In particolare, i neuroni del botrillo mostrano diversi tipi di morte cellulare, così come avviene nelle malattie neurodegenerative umane. Inoltre, geni criticamente coinvolti in queste malattie sono espressi nelle diverse fasi del ciclo vitale del botrillo secondo tempistiche che ricordano molto il progredire delle malattie nell’uomo. Per esempio, geni tipici dei disordini conformazionali, come l’Alzheimer e il Parkinson, sono espressi nel botrillo in tempi che richiamano nell’uomo il passaggio della malattia da una fase di degenerazione preclinica alla comparsa di sindromi specifiche nell’uomo”.
“Questi risultati potrebbero aprire inediti scenari sia nell’identificazione di un minimo comune denominatore fra patologie umane molto dissimili fra di loro, sia nell’impiego di nuove metodiche di stimolazione elettrica cerebrale non invasiva per la prevenzione e la cura della neurodegenerazione”, dice il prof. Alberto Priori del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università Statale di Milano e co-autore della ricerca.
Notizie specifiche su: Alzheimer, Parkinson, botrillo, 24/04/2023 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

I neuroni che combattono le abbuffate

  • I neuroni che combattono le abbuffate Regolano la velocità con cui si mangia e il momento di fermarsi
    (Leggi)


La proteina che accende la memoria

  • La proteina che accende la memoria Una proteina ingegnerizzata sembra in grado di potenziarla
    (Leggi)


Lesioni cerebrali, nelle pupille la chiave per la prognosi

  • Lesioni cerebrali, nelle pupille la chiave per la prognosi Studio dimostra l’efficacia della pupillometria automatizzata
    (Leggi)


Danno neurologico: la risposta di maschi e femmine

  • Danno neurologico: la risposta di maschi e femmine  Determinante nelle risposte metaboliche è il tessuto adiposo
    (Leggi)


Il termometro del dolore

  • Il termometro del dolore Sviluppato un sistema di intelligenza artificiale che riconosce il dolore
    (Leggi)


L’atlante del cervello umano

  • L’atlante del cervello umano Mappati i 200 miliardi di cellule presenti
    (Leggi)


Lo sport ripulisce il cervello

  • Lo sport ripulisce il cervello Rischio ridotto di demenza per chi rimane attivo
    (Leggi)


La sedentarietà aumenta il rischio di demenza

  • La sedentarietà aumenta il rischio di demenza Tanti gli effetti negativi se restiamo seduti troppo tempo
    (Leggi)


Scoperte nuove cellule ibride nel cervello

  • Scoperte nuove cellule ibride nel cervello A metà strada fra un neurone e un astrocita
    (Leggi)


Cosa succede quando si muore?

  • Cosa succede quando si muore? Le esperienze di premorte nei pazienti rianimati
    (Leggi)


I calciatori rischiano l'Alzheimer

  • I calciatori rischiano l'Alzheimer Il pericolo rappresentato dai colpi di testa ripetuti
    (Leggi)


Nuovo test per individuare la demenza da corpi di Lewy

  • Nuovo test per individuare la demenza da corpi di Lewy In grado di scoprire la malattia anche prima della comparsa dei sintomi
    (Leggi)


L’IA scova lesioni cerebrali invisibili

  • L’IA scova lesioni cerebrali invisibili Per una diagnosi più accurata e precoce dei danni al cervello
    (Leggi)


La radiofrequenza cura il dolore cronico

  • La radiofrequenza cura il dolore cronico Opzione non farmaceutica per il disturbo
    (Leggi)


Il cervello influenza l’obesità

  • Il cervello influenza l’obesità Responsabili connessioni danneggiate fra memoria e circuiti cerebrali
    (Leggi)


La funzionalità muscolare degli astronauti

  • La funzionalità muscolare degli astronauti Valutare il ruolo della stimolazione elettrica neuromuscolare
    (Leggi)


Nuova cura per la narcolessia

  • Nuova cura per la narcolessia In sperimentazione un agonista dell'orexina
    (Leggi)


Un verme nel cervello

  • Un verme nel cervello Estratto un parassita di 8 centimetri da una donna
    (Leggi)


In orbita per sviluppare nuovi farmaci contro i prioni