(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) acuto con AcSDKP da solo o in combinazione con tPA ha ridotto notevolmente i danni neurovascolari e migliorato l’esito neurologico”, spiega il dott. Zhang.
Il tPA – attivatore tissutale del plasminogeno - è al momento l'unico trattamento valido per la cura dell'ictus, ma la sua efficacia è legata in maniera indissolubile alla velocità con la quale viene somministrato dopo la crisi. Tuttavia, secondo lo studio dell'Henry Ford Hospital, l'utilizzo combinato di tPA e AcSDKP allunga il tempo a disposizione dei medici per intervenire proficuamente.
Il peptide era già noto per i suoi effetti antinfiammatori e per la protezione del cuore. In base agli esperimenti su modello murino, i ricercatori hanno verificato innanzitutto che la sostanza riesce a superare con facilità la barriera emato-encefalica, ostacolo tradizionale per la maggior parte dei trattamenti che hanno come target il cervello.
La somministrazione combinata delle due sostanze riduce in maniera significativa il danno neurologico associato all'ictus. I medici hanno anche notato che non vi è aumento nell'incidenza di emorragia cerebrale o nella formazione di ulteriori coaguli di sangue.
“Con il maggior uso della terapia trombolitica nei pazienti con ictus acuto, sia la sicurezza che l’efficacia del trattamento combinato indicato nel nostro studio dovrebbero incoraggiare lo sviluppo di studi clinici sulla combinazione di AcSDKP con tPA”, conclude il dott. Zhang.
Leggi altre informazioni
26/03/2018 Andrea Piccoli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante