Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

Dati positivi da bumetanide contro la malattia neurodegenerativa

Morbo di Alzheimer_13211.jpg

Un diuretico di uso comune, il bumetanide, potrebbe avere un effetto protettivo nei confronti dell’Alzheimer. Lo dice uno studio pubblicato su Nature Aging dai ricercatori del Gladstone Institutes di San Francisco e della Icahn School of Medicine di New York.
I dati presi in considerazione mostrano come l’Alzheimer sia poco diffuso fra chi assume il farmaco a causa della pressione alta o per contrastare la ritenzione idrica. Gli scienziati hanno analizzato i dati di oltre 5 milioni di over 65, parte dei quali erano in cura con il diuretico.
Fra chi assumeva il diuretico la prevalenza dell’Alzheimer era ridotta dal 35 al 75%. Ora serviranno studi specifici per dimostrare il vero potenziale di bumetanide come farmaco anti-Alzheimer.
Uno studio italiano ha dimostrato peraltro la possibilità di stimolare la naturale plasticità del cervello grazie all'utilizzo di bumetanide. La ricerca, ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | cervello, plasticità, diuretico,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 118337 volte