Nuovi modelli predittivi per l'insufficienza cardiaca

Prevedono mortalità e morbilità nei pazienti con frazione di eiezione preservata

Uno studio dell'Università di Glasgow pubblicato su Jama Cardiology mostra l'efficacia di nuovi modelli prognostici per prevedere la mortalità e la morbilità in pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF).
I modelli si basano sui dati del trial DELIVER per la derivazione e sui dati dei trial PARAGON-HF e I-PRESERVE per la validazione, e includono 11 variabili tra cui il livello di frammento amino-terminale del pro peptide natriuretico di tipo B (NT-proBNP), i ricoveri precedenti per insufficienza cardiaca, livelli di creatinina, diabete, durata dell'insufficienza cardiaca, trattamento con inibitori del co-trasportatore di sodio-glucosio di tipo 2, broncopneumopatia cronica ostruttiva, attacco ischemico transitorio/ictus. I modelli hanno mostrato una buona discriminazione e calibrazione nelle coorti di validazione, superando altri modelli predittivi e ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: insufficienza, cardiaca, modelli,

Notizie correlate


Anche il cuore ha un cervello Le cellule cardiache possono ringiovanire e autoripararsi





Un test per la morte cardiaca improvvisa Un algoritmo identifica le persone a rischio





Un decalogo per resistere al caldo Misure di prevenzione per salvaguardare la salute





La droga aumenta i rischi per il cuore Nesso fra utilizzo di cannabis e altre droghe e conseguenze cardiovascolari





I danni cardiovascolari causati dagli stupefacenti Il danno d'organo è spesso silente nelle prime fasi





Le bevande energetiche aumentano il rischio di aritmie Nei pazienti con problematiche cardiache di natura genetica





Niente alcol in volo, fa male al cuore Effetti potenzialmente pericolosi soprattutto per i voli a lungo raggio





La Bpco aumenta il rischio di eventi cardiovascolari Dopo una riacutizzazione il rischio si impenna





10 regole per le malattie cardiovascolari La premessa necessaria è la presa di coscienza del problema





Gli effetti di aficamten in caso di cardiomiopatia Il farmaco migliora la capacità di esercizio dei pazienti





Un cardiologo allunga la vita Essere seguiti da un professionista riduce il rischio cardiovascolare





La sindrome del cuore infranto parte del cervello Alcuni soggetti mostrano una base funzionale a livello encefalico





Covid, i rischi per il cuore durano anni L'aumento del rischio non è limitato alla fase acuta





Diabete, come calcolare il rischio cardiaco Uno screening in due fasi può stimarne le probabilità





La cardiopatia congenita mette a rischio il ritmo cardiaco Un paziente su cinque sviluppa un'anomalia della frequenza





La cannabis fa male al cuore Nessun tipo di consumo è privo di effetti collaterali





Covid, meno rischi per il cuore in chi è vaccinato Netta diminuzione dei rischi di complicazioni cardiache





Il fumo passivo favorisce la fibrillazione atriale Le probabilità di soffrirne aumentano se esposti al fumo passivo





Stop all'approccio “a bikini” alla salute femminile Nuovi dati sul gender gap nella cura delle malattie cardiovascolari