(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) mostrato un miglioramento significativo e duraturo sui tre endpoint co-primari rispettivamente concentrazione plasmatica di transtiretina, compromissione funzionale legata alla neuropatia misurata mediante lo score composito Neuropathy Impairment Score +7 (mNIS+7) e qualità di vita (QoL) valutata secondo il Norfolk Quality of Life Questionnaire-Diabetic Neuropathy (Norfolk QoL-DN).
Eplontersen ha ottenuto una riduzione media calcolata con metodo dei minimi quadrati (LS) dell’82% nella concentrazione plasmatica di TTR rispetto al valore basale a 65 settimane, a fronte di una riduzione dell’11% nel gruppo placebo esterno (p1 Eplontersen ha dimostrato benefici statisticamente significativi in entrambi gli score di mNIS+7 e Norfolk QoL-DN a 35 settimane rispetto al gruppo placebo esterno, che sono ulteriormente migliorati a 66 settimane. Eplontersen ha arrestato la progressione di malattia misurata mediante mNIS+7, con un aumento medio LS di 0,3 punti alla settimana 66 a fronte di un aumento di 25,1 punti del gruppo placebo esterno rispetto al valore basale (miglioramento medio LS di 24,8 punti; p1 Complessivamente, il 47% dei pazienti trattati con eplontersen ha ottenuto un miglioramento della neuropatia rispetto al basale dopo 66 settimane contro il 17% nel gruppo placebo esterno.1 Tra coloro che hanno completato lo studio, il 53% dei pazienti trattati ha mostrato un miglioramento della neuropatia a 66 settimane rispetto al basale a fronte del 19% nel gruppo placebo esterno.
Eplontersen ha inoltre migliorato la qualità di vita mostrando una diminuzione (miglioramento) di 5,5 punti in media LS Norfolk QoL-DN a 66 settimane, rispetto a un aumento (peggioramento) di 14,2 punti nel gruppo placebo esterno (miglioramento medio LS di 19,7 punti; p1 Complessivamente, il 58% dei pazienti trattati ha mostrato un miglioramento della QoL rispetto al basale dopo 66 settimane di trattamento a fronte del 20% nel gruppo placebo esterno. Tra coloro che hanno completato lo studio, il 65% dei pazienti trattati ha mostrato un miglioramento della QoL a 66 settimane rispetto al basale, contro il 23% nel gruppo placebo esterno.
Eplontersen ha inoltre dimostrato un miglioramento statisticamente significativo in tutti gli endpopint secondari rispetto al gruppo placebo e ha continuato a mostrare un profilo favorevole di sicurezza e tollerabilità. Il tasso di eventi avversi derivati dal trattamento nel gruppo trattato con eplontersen è paragonabile al gruppo placebo esterno in tutte le categorie maggiori. Non si sono verificati eventi avversi di particolare interesse tali da causare l’interruzione del farmaco oggetto di studio.
I risultati dell’analisi di fine trattamento hanno mostrato che eplontersen ha prodotto un miglioramento sostenuto nelle 85 settimane. Eplontersen ha dimostrato una riduzione duratura della concentrazione sierica di TTR rispetto al basale, ha arrestato la progressione di malattia misurata con il metodo mNIS+7 e ha mostrato un continuo miglioramento della QoL misurata dal Norfolk QoL-DN, rispetto al basale.
“La polineuropatia amiloide ereditaria mediata da transtiretina è una malattia genetica rara”, afferma la Dottoressa Laura Obici del Centro Amiloidosi Sistemiche, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, e sperimentatrice del trial NEURO-TTRansform. “Si tratta di una malattia complessa e debilitante, con opzioni terapeutiche in rapido sviluppo, ma caratterizzata ancora da un forte bisogno clinico non soddisfatto. In assenza di un trattamento efficace, la polineuropatia amiloide ereditaria mediata da transtiretina è infatti inesorabilmente progressiva. I risultati positivi dello studio NEURO-TTRansform, recentemente pubblicati su JAMA, dimostrano come eplontersen riduca significativamente la concentrazione sierica di transtiretina, arresti la progressione del danno neurologico e migliori la qualità della vita dei pazienti che convivono con questa patologia fortemente debilitante. Queste evidenze confermano ulteriormente il potenziale di eplontersen di modificare in maniera significativa e duratura il decorso della patologia e di rivoluzionare ulteriormente l’attuale trattamento”.
ATTRv-PN è una malattia debilitante che causa danni al sistema nervoso periferico determinando disabilità motoria a cinque anni dalla diagnosi e, senza trattamento, ha esiti potenzialmente fatali entro dieci anni.
Eplontersen è attualmente in fase di valutazione nello studio di Fase III CARDIO-TTRansform per il trattamento della cardiomiopatia amiloide mediata da transtiretina (ATTR-CM), una patologia sistemica, progressiva e con esiti potenzialmente fatali che generalmente causa insufficienza cardiaca progressiva e spesso porta al decesso entro tre/cinque anni dall’esordio.

Amiloidosi da transtiretina (ATTR)

La amiloidosi da transtiretina è una malattia sistemica progressiva che si manifesta prevalentemente con cardiomiopatia e/o polineuropatia. È causata dal misfolding e dall’aggregazione della proteina plasmatica transtiretina in forma di fibrille di amiloide. Esiste una forma di ATTR causata dalla proteina in forma wild-type, considerata legata all’invecchiamento, e una forma ereditaria associata a mutazioni del gene che codifica per questa proteina. Nei pazienti affetti da ATTR, ereditaria e wild type la proteina TTR si accumula aggregandosi in fibrille nei tessuti quali i nervi periferici e il cuore, il sistema gastrointestinale, gli occhi, i reni, il sistema nervoso centrale, la tiroide e il midollo osseo. La presenza di fibrille di TTR interferisce con le normali funzioni di questi tessuti. La continua deposizione determina un danno irreversibile e la malattia si aggrava, con conseguente rapido peggioramento della QoL fino all’eventuale decesso. Si stima che in tutto il mondo ci siano 300.000-500.000 pazienti con cardiomiopatia da ATTR (ATTR-CM)7 e circa 40.000 pazienti con ATTRv-PN.

Lo studio NEURO-TTRansform

NEURO-TTRansform è uno studio globale randomizzato, in aperto, finalizzato a valutare l’efficacia e la sicurezza di eplontersen nei pazienti con ATTRv-PN. Lo studio ha arruolato pazienti adulti con ATTRv-PN di Stadio 1 o 2. L’efficacia è stata valutata confrontando i pazienti trattati con eplontersen con il gruppo placebo esterno dello studio registrativo TEGSEDI® (inotersen) NEURO-TTR che Ionis ha completato nel 2017. L’analisi di confronto di efficacia e sicurezza tra eplontersen e gruppo placebo esterno si è basata sui dati fino alla 66esima settimana e tutti i pazienti hanno continuato a essere seguiti fino alla 85esima settimana, quando hanno avuto la possibilità di passare a uno studio di estensione in aperto, tuttora in corso.

Eplontersen

Eplontersen è un oligonucleotide antisenso coniugato con ligando (LICA) progettato per ridurre la produzione di transtiretina, o proteina TTR, per il trattamento di tutte le forme di ATTR, una malattia sistemica, progressiva e con esiti potenzialmente fatali.

Leggi altre informazioni
Notizie specifiche su: amiloidosi, transtiretina, Eplontersen, 10/10/2023 Arturo Bandini


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

L’interruttore molecolare che ci fa dimagrire

  • L’interruttore molecolare che ci fa dimagrire Scoperto il meccanismo che riattiva il tessuto adiposo bruno
    (Leggi)


La tecnica Crispr per talassemia e anemia falciforme

  • La tecnica Crispr per talassemia e anemia falciforme L’editing del genoma garantisce il successo nel 90 per cento dei casi
    (Leggi)


Due geni ci fanno ingrassare

  • Due geni ci fanno ingrassare Identificati due geni che aumentano il rischio di obesità
    (Leggi)


Una trasfusione precoce può salvare la vita

  • Una trasfusione precoce può salvare la vita In caso di lesioni traumatiche la finestra temporale è di pochi minuti
    (Leggi)


Nuova terapia per la malattia di Pompe

  • Nuova terapia per la malattia di Pompe Disponibile una terapia enzimatica sostitutiva
    (Leggi)


La proteina che rigenera i muscoli

  • La proteina che rigenera i muscoli La sorprendente plasticità delle cellule staminali muscolari
    (Leggi)


La violenza di genere lascia cicatrici sul Dna

  • La violenza di genere lascia cicatrici sul Dna Modifiche al patrimonio genetico evidenti
    (Leggi)


SMA, possibili nuove cure

  • SMA, possibili nuove cure Identificate alterazioni neurometaboliche fondamentali
    (Leggi)


Eplontersen per la Polineuropatia

  • Eplontersen per la Polineuropatia Nei pazienti con polineuropatia amiloide ereditaria da transtiretina
    (Leggi)


Reni umani si sviluppano in un maiale

  • Reni umani si sviluppano in un maiale Scienziati cinesi fanno crescere un organo umano in un’altra specie
    (Leggi)


Il primo embrione in 3D

Nuove frontiere per la comunicazione cellulare artificiale

  • Nuove frontiere per la comunicazione cellulare artificiale Compreso il meccanismo di crescita di nanostrutture organiche
    (Leggi)


Due gemelle con Dna uguale, ma solo una si ammala

  • Due gemelle con Dna uguale, ma solo una si ammala Nonostante la stessa mutazione solo una soffre di una malattia rara
    (Leggi)


Conservare il Dna alla nascita e proteggersi dalle malattie

  • Conservare il Dna alla nascita e proteggersi dalle malattie L’utilità dell’analisi comparativa del Dna
    (Leggi)


Due sottotipi di cellule beta pancreatiche

Un gene che regola l’integrità del muscolo scheletrico

  • Un gene che regola l’integrità del muscolo scheletrico Scoperta importante per gli studi sulla perdita di forza
    (Leggi)


Sma, efficace Zolgensma

  • Sma, efficace Zolgensma L’effetto positivo del farmaco si prolunga per anni
    (Leggi)


Una terapia enzimatica per l’alfa-mannosidosi

  • Una terapia enzimatica per l’alfa-mannosidosi Approvata prima e unica terapia per il trattamento della malattia
    (Leggi)


La sindrome VEXAS

  • La sindrome VEXAS La malattia autoinfiammatoria potrebbe essere letale
    (Leggi)