Gli anticorpi monoclonali contro l'emicrania cronica

L'uso dei farmaci riduce gli episodi

Gli anticorpi monoclonali anti-Cgrp sono efficaci nel ridurre gli episodi di emicrania nei soggetti che ne soffrono in maniera cronica e frequentemente, cioè almeno 15 giorni al mese.
Gli autori dello studio Pearl, a cui partecipa anche l'Italia, hanno presentato i dati nel corso del congresso della Sin, la Società italiana di neurologia, di Napoli.
Lo studio sull'anticorpo monoclonale fremanezumab ha coinvolto oltre 1.000 pazienti di cui 354 italiani. Il farmaco, sviluppato da Teva, mostra efficacia a 12 mesi sia nei pazienti emicranici ad alta frequenza sia nei cronici
Lo studio ha rilevato che i pazienti con emicranie croniche ad altissima frequenza (con oltre 15 giorni al mese di mal di testa), durante la terapia vengono "convertiti" in pazienti con emicrania episodica: un 50% di pazienti arriva perfino ad avere una media compresa fra 0 e 7 giorni al mese di mal di ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: emicrania, fremanezumab, anticorpo,

Notizie correlate


Un nuovo farmaco per l'emicrania I vantaggi dell'anticorpo monoclonale erenumab





Un mal di testa spaziale Emicranie senza precedenti fra gli astronauti





Un'app per gestire l'emicrania Può aiutare le persone ad assumere decisioni sui farmaci





Gli anticorpi monoclonali contro l'emicrania cronica L'uso dei farmaci riduce gli episodi





La pandemia ha aumentato anche i disturbi della vista Cecità funzionale in aumento nel periodo post-pandemico





La ketamina contro l'emicrania Lo spray nasale sembra un trattamento sicuro ed efficace





La cefalea e il sistema circadiano L'insorgenza delle crisi è legata ai cicli di sonno e veglia





I bambini con emicrania rischiano la depressione Le crisi emicraniche aumentano le probabilità di ansia e depressione





Emicrania come fattore di rischio per il parto Associata a parto prematuro, ipertensione e preeclampsia





Un braccialetto per scacciare il mal di testa Dispositivo indossabile previene e cura gli attacchi emicranici





Il mal di testa è donna? Come gestire i disturbi derivanti dalle diverse forme di mal di testa





Un farmaco digitale per l'emicrania Non una sostanza da inghiottire ma un'app che suggerisce comportamenti





Emicrania nelle donne, la colpa è degli ormoni Pochi estrogeni e alti livelli di CGRP





Cefalea a grappolo pi√Ļ grave fra le donne Gli episodi dolorosi colpiscono soprattutto il sesso femminile





La tiamina contro l'emicrania Riduce le probabilità di sviluppare la condizione





Emicrania, c'è una carenza di vitamina B12 Il deficit della sostanza può aumentare il rischio del disturbo





Emicrania, sottopeso e obesità ne aumentano il rischio Consigliabile mantenere un indice di massa corporea adeguato





Gli esami da fare in caso di mal di testa Varie le cause, tanti gli esami che possono aiutare





I farmaci per l'emicrania non sono rischiosi in gravidanza Non sembrano aumentare il rischio di ADHD