Covid, l’infezione con Omicron 1 è poco protettiva

Chi è stato infettato da BA.1 è vulnerabile alle nuove sottovarianti

Varie_14321.jpg

Covid non dà pace a nessuno. Neanche a chi ha superato un’infezione da Omicron BA.1, la prima versione della variante dominante ormai da mesi. Questi soggetti, infatti, sono suscettibili di nuove infezioni con le sottovarianti in circolazione, BA.4, BA.5 e BA.2.12.1.
“Inoltre, un vaccino booster derivato da BA.1 potrebbe non fornire una protezione ad ampio spettro contro le nuove varianti di Omicron". È la conclusione cui sono giunti i ricercatori dell’Università di Pechino in uno studio pubblicato su Nature.
La ricerca ha analizzato l’evoluzione genetica cui è andata incontro la variante Omicron negli ultimi mesi: BA.4, BA.5 e BA.2.12.1 hanno molte affinità con BA.2, ma a differenza di quest’ultima, le mutazioni accumulate dalle nuove sotto-varianti hanno conferito loro una maggiore capacità di eludere la risposta immunitaria sviluppata dopo un'infezione da BA.1, anche in chi ha fatto ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | coronavirus, influenza, pandemia,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 2512 volte