(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) di giorni.
Ovviamente, la soglia di accettabilità degli effetti collaterali fra i bambini è più bassa di quella per gli adulti. Questo perché la vaccinazione infantile è più utile alla società che ai bambini stessi, che di norma rischiano molto poco in caso di Covid.
Una vaccinazione a tappeto anche della platea infantile produrrebbe presumibilmente un drastico calo delle infezioni e di conseguenza delle restrizioni imposte.
È davvero utile vaccinare bambini e adolescenti, dal momento che in queste fasce di età la malattia è raramente grave? La popolazione in età pediatrica è una popolazione eterogenea, con caratteristiche fisiologiche ed esigenze di sviluppo distinte non solo da quelle della popolazione adulta, ma diverse anche a seconda delle varie fasce di età. Come ha sottolineato Beth Thielen, specialista in infettivologia pediatrica presso l’Università del Minnesota, quando si tratta di valutare un vaccino (e in generale qualsiasi farmaco) sui bambini, si tende a essere molto più cauti per evitare di esporre i più piccoli a rischi inutili. I bambini, infatti, sono considerati più suscettibili agli effetti avversi dei farmaci, motivo per cui generalmente i medicinali in corso di studio vengono valutati su bambini e adolescenti con particolare prudenza e solo dopo essersi rivelati sicuri negli adulti. Insomma: i bambini non sono piccoli adulti.
Prima di avviare degli studi su bambini e adolescenti è stato necessario svolgerne su persone di età adulta e così è stato fatto. Gli studi sono dunque partiti più tardi ed è questa la ragione per cui ancora non abbiamo dati a sufficienza sull’efficacia e la sicurezza dell’impiego dei vaccini per la Covid-19 in età pediatrica.
Peraltro, abbiamo visto come gli anziani siano più vulnerabili e più inclini a sviluppare forme gravi di Covid-19, e questa evidenza ha suggerito di dedicare la principale attenzione alla messa a punto di strategie in grado di contenere la diffusione del contagio e prevenire le gravi complicazioni dell’infezione nelle popolazioni più a rischio.
Sebbene siano considerati a basso rischio di sviluppare forme gravi di Covid-19, anche bambini e adolescenti possono trasmettere il virus e contribuire quindi alla diffusione del contagio. Se è possibile che nelle prime fasi della pandemia sia stato sottostimato il numero di positivi nella popolazione in età pediatrica (dove le forme asintomatiche della malattia sono più comuni), più recentemente infatti è stato dimostrato che i bambini non sono più protetti degli adulti dal contagio di SARS-CoV-2 e che potrebbero essere potenziali diffusori tanto quanto i loro genitori, specialmente nel contesto domestico. Non vanno sottovalutati neanche i rischi degli effetti a lungo termine.
In realtà anche i bambini possono sviluppare Covid-19 in forma grave. Uno studio europeo pubblicato a giugno dello scorso anno sulla rivista scientifica The Lancet Child and Adolescent Health ha dimostrato che, sebbene Covid-19 passi quasi inosservata nella maggior parte della popolazione pediatrica, una piccola percentuale (8%) dei bambini contagiati sviluppa una forma della malattia che richiede il ricovero in ospedale e talvolta anche il ricorso alla ventilazione meccanica. Anche dai dati raccolti in Italia è emerso che i bambini tendono a contrarre forme lievi di Covid-19, ma la bassissima età (meno di un anno) e la presenza di altre patologie preesistenti nel piccolo paziente aumentano il rischio di sviluppare gravi complicazioni da SARS-CoV-2 che, in casi rari, possono portare anche alla morte.
È un argomento di grande interesse: è possibile approfondire su fonti internazionali sicuramente autorevoli. Sarebbe dunque ancora più auspicabile avere un vaccino efficace e soprattutto sicuro per la Covid-19 nei bambini per proteggere i più fragili dal rischio di ammalarsi gravemente.
Leggi altre informazioni
20/09/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante