Covid, i rischi della terapia con Paxlovid

Rischio rebound e rischi per i pazienti immunocompromessi

Varie_14646.jpg

Il farmaco Paxlovid per il trattamento dei casi gravi di Covid-19 mostra alcuni limiti di utilizzo. Il Comitato di valutazione dei rischi sulla farmacovigilanza (Prac) dell’Ema ha invitato alla massima prudenza i medici riguardo alle prescrizioni del farmaco, tenendo soprattutto in considerazione i pazienti che si trovano in terapia immunosoppressiva.
“Le interazioni tra questi farmaci possono determinare reazioni avverse gravi e anche potenzialmente fatali”, a causa della ridotta capacità dell’organismo di eliminare i principi attivi (se combinati), ricordano gli esperti del Prac.
La terapia immunosoppressiva a cui non è possibile combinare l’uso dell’antivirale in caso di Covid nei pazienti a rischio di evoluzione verso forme gravi è quella basata sugli inibitori della calcineurina (tacrolimus, ciclosporina) e di mTOR (everolimus, sirolimus), a cui si ricorre nel trattamento di ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

NOTIZIE SPECIFICHE SU | Covid, virus, Paxlovid,




Del 12/02/2024

Notizie correlate