La natura aiuta in caso di Parkinson

I pazienti hanno un rischio inferiore di ospedalizzazione

I pazienti affetti da Parkinson che vivono a contatto con la natura beneficiano di una riduzione del rischio di ospedalizzazione a causa della malattia. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Jama e presentato dalla Società italiana di neurologia.
Il Parkinson colpisce 5 milioni di persone al mondo, circa 400.000 in Italia, e insorge di solito intorno ai 60 anni. Il numero dei malati è destinato ad aumentare nei prossimi anni per via dell'allungamento della vita media.
Nello studio, fra il 2000 e il 2016 sono state analizzate oltre 122.000 persone fra i 65 e i 74 anni che facevano parte del sistema di assistenza sanitaria americano Medicare. La metĂ  soffriva di Parkinson.
I dati di ricovero sono stati confrontati con gli indici di vegetazione viva e di acqua (indice Ndvi) dell'area di residenza dei pazienti, che un apposito algoritmo (R Project for Statistical Computing) ha ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: Parkinson, natura, malattia,

Notizie correlate


Nuovo gene associato al Parkinson Coinvolta la mutazione del gene RAB32





Come affrontare i disturbi del sonno nel Parkinson I sintomi della malattia impattano sulla qualitĂ  del sonno





Un test per scoprire in anticipo il Parkinson Possibile individuare la malattia 7 anni prima





Nuove scoperte sui sintomi del Parkinson Bradicinesia, rigiditĂ  e tremore hanno dinamiche neuronali diverse





Parkinson, prasinezumab può rallentarne la progressione Progressione piÚ lenta dei segni motori nei pazienti che lo assumono





La citicolina per il Parkinson Gli effetti neuroprotettivi della sostanza





Un nuovo farmaco ferma il Parkinson È un antidiabetico simile alla semaglutide





La stimolazione cerebrale per il Parkinson QualitĂ  della vita stabile per i pazienti che vi si sottopongono





Nuove prospettive per la diagnosi del Parkinson Identificata una deregolazione di un amminoacido atipico





Un uomo con Parkinson avanzato torna a camminare Grazie a un dispositivo con elettrodi impiantati nel midollo spinale





Le staminali per il Parkinson Le cellule si trasformano in neuroni dopaminergici





Parkinson, un impianto innovativo per tornare a camminare Stimolazione epidurale grazie a una neuroprotesi





Un test salivare per il Parkinson Misura i livelli di alfa-sinucleina





Problemi intestinali come spia del Parkinson Salute del cervello e dell'intestino sempre piĂš legate





La solitudine aumenta il rischio di Parkinson Fattore di rischio indipendente da altri





L'esame del sangue che scopre il Parkinson Passo in avanti per la diagnosi precoce della malattia





Le malattie intestinali possono annunciare il Parkinson Stitichezza e intestino irritabile tra i segnali precoci della malattia





Lo sport riduce i sintomi del Parkinson Alcune attivitĂ  si rivelano particolarmente adatte





Uno smartwatch per il Parkinson I dati sul movimento e sul sonno possono aiutare gli specialisti