(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) pubblicati, si sono dimostrati essere validi nel proteggere il cervello».
Quali sarebbero dunque i cibi che proteggono l’attività del cervello? «Sono quelli ricchi di antiossidanti, polifenoli, acidi grassi polinsaturi, vitamine del gruppo B, vitamina E», chiarisce la specialista. E come è strutturata la dieta MIND? «Privilegia frutta di stagione, verdure, legumi (prevalentemente fagioli), semi, frutta secca a guscio oleosa (soprattutto noci), olio extravergine d’oliva e cereali integrali, pesce, pollo, pochissima carne rossa, pochissimo formaggio e un grosso limite a tutti i cibi processati».
Un regime alimentare che quindi non si discosta molto da quello mediterraneo. Largo spazio alle verdure a foglia verde e scura come spinaci, rucola, indivia, cicoria, lattuga romana, cavoli, alimenti ricchi di acido folico. Grande importanza rivestono anche frutti rossi e cereali integrali. Inoltre, vanno consumati carne bianca, pesce e fagioli per il giusto introito di proteine.
«Nel recente studio che i ricercatori di Chicago hanno pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM) non si evince una grande differenza nel miglioramento dei punteggi cognitivi tra il gruppo di controllo e quello che ha seguito la dieta MIND, ma è possibile che la durata dell’intervento (3 anni) sia stata troppo breve per notare differenze in termini di declino cognitivo», sostiene l’esperta.
Nello studio sono state arruolate 1.929 persone cognitivamente integre, ma con storia familiare di demenza, un indice di massa corporea (BMI) che indicava sovrappeso e una dieta definita «non ottimale».
I soggetti sono stati divisi in due gruppi, il primo dei quali ha seguito la dieta MIND con lieve restrizione calorica e il secondo una dieta generica sempre con lieve restrizione calorica.
A distanza di 3 anni sono emersi miglioramenti nei punteggi cognitivi generali, mentre la risonanza magnetica ha mostrato volumi cerebrali simili nei due gruppi.
«Come detto, questo tipo di protocollo (come gli altri regimi alimentari salutari) non deve essere inteso come dieta per dimagrire da abbandonare una volta ottenuto il risultato - commenta Prandoni -, ma deve essere assunto come stile di vita e seguito nel tempo. Per questo i 3 anni possono non essere stati sufficienti. In ogni caso i principi e gli alimenti su cui puntano i ricercatori di Chicago sono condivisibili e non dissimili da quelli della dieta mediterranea».
Oltre all’alimentazione è necessario tuttavia praticare attività fisica, esercitare la mente e curare le relazioni sociali per cercare di allontanare il pericolo della demenza.
Notizie specifiche su: demenza, dieta, Mind, 26/10/2023 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio

  • Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio Effetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile
    (Leggi)


Alzheimer, prime linee guida europee

  • Alzheimer, prime linee guida europee Puntano ad abbreviare i tempi della diagnosi
    (Leggi)


Alzheimer, chi assume Viagra rischia di meno

  • Alzheimer, chi assume Viagra rischia di meno I farmaci contro la disfunzione erettile riducono il rischio
    (Leggi)


Problemi alla vista possono annunciare l’Alzheimer

  • Problemi alla vista possono annunciare l’Alzheimer Legati a una variante poco nota della malattia
    (Leggi)


Alzheimer, una proteina protegge le donne

  • Alzheimer, una proteina protegge le donne La sua attivazione scongiura le malattie neurodegenerative
    (Leggi)


Alzheimer, nuova strategia per ridurre i sintomi

  • Alzheimer, nuova strategia per ridurre i sintomi L’intervento farmacologico riduce il successivo declino cognitivo
    (Leggi)


L’ormone della crescita favorisce l’Alzheimer

  • L’ormone della crescita favorisce l’Alzheimer Disturbi cognitivi più frequenti nelle persone che l’hanno assunto
    (Leggi)


Nuovo test del sangue per l’Alzheimer

  • Nuovo test del sangue per l’Alzheimer Tris di biomarcatori rivela i tratti distintivi della malattia
    (Leggi)


Gli ultrasuoni focalizzati per l’Alzheimer

  • Gli ultrasuoni focalizzati per l’Alzheimer Sembrano migliorare l’effetto di aducanumab
    (Leggi)


L’Helicobacter pylori aumenta il rischio di Alzheimer

  • L’Helicobacter pylori aumenta il rischio di Alzheimer La sua eradicazione potrebbe ridurre l’impatto della malattia
    (Leggi)


Vivere il Natale con la demenza

Alzheimer, interventi personalizzati negli anziani

  • Alzheimer, interventi personalizzati negli anziani Possono migliorare le capacità cognitive
    (Leggi)


La terapia della luce per l’Alzheimer

  • La terapia della luce per l’Alzheimer Migliora il sonno e i sintomi comportamentali
    (Leggi)


Un sonno irregolare causa la demenza

  • Un sonno irregolare causa la demenza I disturbi del sonno possono anche peggiorare l’andamento clinico della malattia
    (Leggi)


Cancro alla prostata, rischio di recidiva anche dopo 10 anni

  • Cancro alla prostata, rischio di recidiva anche dopo 10 anni Speranze dalla nuova terapia enzalutamide
    (Leggi)


La dieta MIND per il cervello

  • La dieta MIND per il cervello Regime alimentare protettivo contro le malattie neurologiche
    (Leggi)


La depressione aumenta il rischio di Alzheimer

  • La depressione aumenta il rischio di Alzheimer Probabilità più alte anche per chi soffre di stress
    (Leggi)


Alzheimer, ecco perché i neuroni muoiono

  • Alzheimer, ecco perché i neuroni muoiono Una reazione del cervello all’accumulo dell’amiloide
    (Leggi)


Le ondate di calore favoriscono l’Alzheimer

  • Le ondate di calore favoriscono l’Alzheimer Il cambiamento climatico mette a rischio anche chi soffre di demenza
    (Leggi)