L'ormone della crescita favorisce l'Alzheimer

Disturbi cognitivi più frequenti nelle persone che l'hanno assunto

L'assunzione dell'ormone della crescita durante l'infanzia può aumentare i rischi di insorgenza del morbo di Alzheimer. A segnalarlo è uno studio pubblicato su Nature Medicine da un team dello University College di Londra che ha analizzato i dati di 5 persone inglesi che hanno ricevuto l'ormone della crescita nei primi anni di vita.
“I risultati supportano un'ipotesi controversa ovvero che le proteine legate all'Alzheimer possano essere seminate nel cervello attraverso materiale prelevato dai cadaveri, infatti l'ormone sotto accusa era estratto dalle ghiandole pituitarie di individui deceduti", si legge nella ricerca.
In uno studio del 2018, lo stesso team aveva scoperto che il cocktail ormonale somministrato conteneva tracce di proteina beta-amiloide. Quando il preparato veniva iniettato nei topi, gli animali sviluppavano placche e un'angiopatia amiloide cerebrale.
Nell'ultimo ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: ormone, crescita, Alzheimer,

Notizie correlate


Un test per prevedere la demenza Può preannunciare la malattia con 9 anni di anticipo





Portatori sani di Alzheimer Alcuni soggetti sono malati ma non mostrano sintomi





Alzheimer, farmaci per l'Hiv potrebbero funzionare Gli effetti degli inibitori della trascrittasi inversa





Il gene che cancella l'Alzheimer Riduce del 70 per cento il rischio di insorgenza della malattia





Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio Effetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile





Alzheimer, prime linee guida europee Puntano ad abbreviare i tempi della diagnosi





Alzheimer, chi assume Viagra rischia di meno I farmaci contro la disfunzione erettile riducono il rischio





Problemi alla vista possono annunciare l'Alzheimer Legati a una variante poco nota della malattia





Alzheimer, una proteina protegge le donne La sua attivazione scongiura le malattie neurodegenerative





Alzheimer, nuova strategia per ridurre i sintomi L'intervento farmacologico riduce il successivo declino cognitivo





L'ormone della crescita favorisce l'Alzheimer Disturbi cognitivi più frequenti nelle persone che l'hanno assunto





Nuovo test del sangue per l'Alzheimer Tris di biomarcatori rivela i tratti distintivi della malattia





Gli ultrasuoni focalizzati per l'Alzheimer Sembrano migliorare l'effetto di aducanumab





L'Helicobacter pylori aumenta il rischio di Alzheimer La sua eradicazione potrebbe ridurre l'impatto della malattia





Vivere il Natale con la demenza Consigli pratici per i caregiver





Alzheimer, interventi personalizzati negli anziani Possono migliorare le capacità cognitive





La terapia della luce per l'Alzheimer Migliora il sonno e i sintomi comportamentali





Un sonno irregolare causa la demenza I disturbi del sonno possono anche peggiorare l'andamento clinico della malattia





Cancro alla prostata, rischio di recidiva anche dopo 10 anni Speranze dalla nuova terapia enzalutamide