(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) in menopausa fra i 50 e i 54 anni. Per ogni aumento di un anno di età nell'insorgenza della menopausa, il tasso di insufficienza cardiaca si riduceva del 2 per cento.
«La menopausa, precoce o tardiva, è sempre un buon momento per prendere maggiori misure per ridurre il rischio di malattie cardiache attraverso l’esercizio, una dieta sana, la perdita di peso e lo smettere di fumare – spiega il direttore esecutivo NAMS, dott.ssa Margery Gass –. Questo stimolante studio dovrebbe incoraggiare ulteriori ricerche per scoprire come la menopausa precoce e l’insufficienza cardiaca siano collegate».
Ma non c'è solo l'insufficienza cardiaca a turbare il sonno delle donne in menopausa. Durante la vita fertile, gli ormoni sessuali femminili svolgono un’importante azione protettiva cosicché le malattie cardiovascolari si manifestano più raramente.
Per una donna in menopausa, invece, questa azione protettiva svanisce e il rischio di angina, ictus e infarto del miocardio aumenta, oltre a quello di insufficienza cardiaca. La patologia cardiovascolare interessa quasi la metà delle donne dopo l’insorgenza dell'infertilità, essa inoltre rappresenta la più frequente causa di malattia (e di morte) in questa specifica fascia d’età.
Stando ai risultati di una ricerca presentata nel corso del 13° World Congress on Controversies in Obstetrics, Gynecology Infertility (Cogi) pare infatti che durante la menopausa, un'italiana su 2 diventi ipertesa.

La logica conseguenza, secondo i ricercatori, è un sensibile aumento del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari con conseguenti infarti e ictus. Queste due problematiche causerebbero addirittura 120.000 decessi di donne ogni anno. Tutte morti in qualche modo legate a problemi di cuore. La cura migliore è sicuramente la prevenzione. Ecco perché i medici raccomandano di non sottovalutare l'importanza di una frequente attività fisica e di una dieta equilibrata. Sono aiuti importanti per ridurre e in certi casi addirittura eliminare il rischio di incorrere in queste malattie cardiovascolari.

L’aterosclerosi è un'altra minaccia dell'età matura, una condizione caratterizzata dalla deposizione di grassi ed altre particelle all’interno della parete arteriosa, provocando quindi un ostacolo al passaggio del sangue, fino a determinare, a volte, la completa occlusione del vaso. Se questo avviene a livello delle arterie coronarie (le arterie che riforniscono di ossigeno il cuore) può svilupparsi una angina pectoris o un infarto vero e proprio; se questo avviene nei vasi che portano il sangue al cervello, può verificarsi un ictus.

Esistono numerosi fattori di rischio di aterosclerosi, alcuni costituzionali (la familiarità, l’età), altri acquisiti (il fumo, l’ipertensione arteriosa, l’aumento dei valori di colesterolo e trigliceridi nel sangue, il diabete, l’eccesso di bevande alcoliche, il sovrappeso, lo stile di vita, la menopausa). Su questi ultimi è possibile intervenire con azioni di prevenzione e cura.

Per cautelare la propria salute, la donna - nel periodo pre-menopausale - deve saper esprimere una valutazione del rischio; la menopausa quindi, se considerata come fattore di rischio di malattia cardiovascolare, potrebbe essere corretta con una appropriata terapia sostitutiva.

La terapia sostitutiva ormonale sembra determinare benefici sul sistema cardiovascolare, sembra inoltre ridurre i livelli plasmatici di colesterolo totale ed LDL, aumentando invece quelli del colesterolo HDL (quello detto ”buono”), migliora inoltre la funzione della parete (endotelio) vascolare, ha effetti benefici sul metabolismo degli zuccheri e sull’assetto della coagulazione.

Numerosi studi dimostrano che la terapia sostitutiva con estrogeni nelle donne in età infertile riduce la possibilità di eventi cardiovascolari, tuttavia questa terapia è vista ancora con molta diffidenza in Italia.

Alcuni studiosi sottolineano i rischi e le controindicazioni della terapia sostitutiva, come spiegato nell'articolo che trovate a questo link:
Leggi altre informazioni
15/05/2014 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante