Protesi al seno e rischio di linfoma

Si indaga su una possibile correlazione

Le protesi al seno potrebbero aumentare le possibilità di insorgenza di una rara forma tumorale, il Linfoma Anaplastico a Grandi Cellule (ALCL).
È questa l'ipotesi su cui stanno indagando le agenzie sanitarie internazionali.
Il ministero della Salute fa parte di una task force internazionale che monitora la patologia. Nel 2015, è stata pubblicata una circolare con l'obiettivo di sensibilizzare gli operatori sanitari a “una corretta diagnosi di ALCL in presenza di sintomatologia sospetta".
Negli Stati Uniti, i casi riportati di ALCL in donne con protesi al seno sono ad oggi 457. Le donne colpite hanno spesso dovuto chiedere la rimozione delle protesi per i pesanti sintomi a loro carico.
Malgrado le testimonianze di molte donne, al momento la Food and Drug Administration non ha ancora raccomandato il ritiro delle protesi, dal momento che il bando dei prodotti non avrebbe ancora una ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: protesi, seno, linfoma,

Notizie correlate


Linfoma a grandi cellule B, efficace glofitamab Primo anticorpo bispecifico a durata fissa approvato da Aifa





Linfoma non-Hodgkin, approvato Polatuzumab Primo anticorpo farmaco-coniugato in combinazione con la chemio





Linfomi associati al virus di Epstein-Barr Identificato il meccanismo che inganna il sistema immunitario





Prima terapia CAR-T per il linfoma Indicazione per i casi di recidiva





Linfoma, terapia CAR-T più sicura grazie a PET cerebrale Complicanze più frequenti individuate precocemente





Un mix di farmaci contro il linfoma L'aggiunta di vitamina C rende più efficaci gli antitumorali





Linfoma mantellare, approvato pirtobrutinib Efficace l'inibitore della tirosin chinasi di Bruton





Nuovo farmaco per il linfoma Tafasitamab per i pazienti refrattari alla chemio-immunoterapia





Linfoma B del cane, scoperte nuove mutazioni Buon modello di studio per l'analoga patologia umana





Linfoma follicolare, approvato mosunetuzumab Per i pazienti che hanno ricevuto almeno due precedenti terapie





Nuova terapia per il linfoma a cellule mantellari Primo trattamento Car-T autorizzato per questo linfoma





Linfoma e Covid-19, il vaccino riduce i rischi Necessario per evitare una forma grave della malattia





Nuove terapie per la sindrome di Richter Possibile colpire le cellule e bloccare la crescita tumorale





Linfoma di Hodgkin, efficace pembrolizumab Il farmaco è superiore allo standard di cura brentuximab vedotin





Linfoma mantellare, nuova terapia a base di Car-T Risultati promettenti in uno studio di fase II





Linfoma, disponibile una nuova terapia Nuovo trattamento basato sulle Car-T





La terapia Car-T contro i linfomi non-Hodgkin Nel 40% dei pazienti la malattia è in stato di remissione durevole





Linfoma follicolare, trattamento con CAR-T Al San Raffaele il primo trattamento in Italia





Scoperto il ruolo di alcuni recettori nella cura dei linfomi Individuata la presenza sui neutrofili della molecola CD16A