Un automobilista disidratato rischia quanto un ubriaco

Stesso numero di incidenti per chi beve poca acqua o troppo alcol

L'alcol evoca di certo il pericolo quando associato alla guida. Tuttavia, c'è un rischio equivalente e spesso sottovalutato, quello della disidratazione, un rischio concreto soprattutto nelle lunghe giornate afose che stiamo vivendo.
A evidenziarlo è uno studio della Loughborough University pubblicato sul Journal of Physiology and Behavior, secondo cui bere poca acqua causa lo stesso numero di incidenti degli alcolici. Il rischio è soprattutto a carico di quei guidatori che consumano solo 25 millilitri di acqua ogni ora. In base alle statistiche, commetterebbero infatti il doppio degli errori rispetto agli automobilisti correttamente idratati.
L'autore dello studio, il dott. Ron Maughan, spiega: ‚Äúnon c'√® dubbio che guidare dopo aver bevuto drink o sotto l'effetto dei farmaci aumenta il rischio incidenti, ma i nostri risultati evidenziano un pericolo non riconosciuto e suggeriscono che ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: disidratazione, guida, acqua,

Notizie correlate


Possibile cura per la malattia di Charcot-Marie-Tooth Identificazione di un possibile approccio terapeutico per il tipo 2A





Avere un cane riduce il rischio di demenza La cura dell'animale spinge a conservare abitudini salutari





Il freddo riduce lo stimolo della sete Importante una corretta idratazione anche in inverno





I neuroni che combattono le abbuffate Regolano la velocità con cui si mangia e il momento di fermarsi





La proteina che accende la memoria Una proteina ingegnerizzata sembra in grado di potenziarla





Lesioni cerebrali, nelle pupille la chiave per la prognosi Studio dimostra l'efficacia della pupillometria automatizzata





Danno neurologico: la risposta di maschi e femmine Determinante nelle risposte metaboliche è il tessuto adiposo





Il termometro del dolore Sviluppato un sistema di intelligenza artificiale che riconosce il dolore





L'atlante del cervello umano Mappati i 200 miliardi di cellule presenti





Lo sport ripulisce il cervello Rischio ridotto di demenza per chi rimane attivo





La sedentarietà aumenta il rischio di demenza Tanti gli effetti negativi se restiamo seduti troppo tempo





Scoperte nuove cellule ibride nel cervello A metà strada fra un neurone e un astrocita





Cosa succede quando si muore? Le esperienze di premorte nei pazienti rianimati





I calciatori rischiano l'Alzheimer Il pericolo rappresentato dai colpi di testa ripetuti





Nuovo test per individuare la demenza da corpi di Lewy In grado di scoprire la malattia anche prima della comparsa dei sintomi





L'IA scova lesioni cerebrali invisibili Per una diagnosi pi√Ļ accurata e precoce dei danni al cervello





La radiofrequenza cura il dolore cronico Opzione non farmaceutica per il disturbo





Il cervello influenza l'obesità Responsabili connessioni danneggiate fra memoria e circuiti cerebrali





La funzionalità muscolare degli astronauti Valutare il ruolo della stimolazione elettrica neuromuscolare