(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dello stomaco, e questo fattore attenta ai tempi della digestione, renderla più lenta. La maggior parte delle donne avverte tali disturbi nella seconda metà della gravidanza. Purtroppo, pur essendo per nulla preoccupanti, tali disturbi perdurano - spessissimo - fino alla nascita del bambino. Sebbene non si possano eliminare del tutto, si possono però adottare alcuni accorgimenti.

Dapprincipio evitare piatti ricchi o speziati: e poi rinunciare a cioccolato, agrumi e caffè; ci si richiederà l'ulteriore sacrifico di dire "no" anche all'alcol - che comunque sarebbe da evitare in ogni caso. Consumare piccoli e frequenti pasti, mangiare a piccoli bocconi e masticare bene, evitare di bere grandi quantità di liquidi durante i pasti, per non dilatare lo stomaco sono altri consigli che tornano utili per "frenare" la pirosi. Altri suggerimenti riguardano i tempi del riposo: sarebbe opportuno "non" distendersi per almeno un'ora dopo i pasti, dormire sostenute da più cuscini o alzare la testa del letto (perché la gravità aiuta a non far risalire i succhi gastrici).

Infine, un ricorso alla farmacopea. Si può assumere un anti-acido che contenga magnesio o calcio, ma prima di farlo è necessario farsi consigliare dal medico, poiché alcuni di questi prodotti possono contenere molto sodio.
18/10/2010

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante