(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) nel tempo per evitare l'insorgenza della malattia o per intercettarla precocemente in modo tale da contrastarne efficacemente l'evoluzione naturale.
La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è una malattia determinata dall'accumulo di trigliceridi all'interno delle cellule del fegato (epatociti). È asintomatica e spesso si arriva alla diagnosi in seguito al riscontro occasionale di anomalie in alcuni esami di laboratorio (ad esempio l'incremento delle transaminasi) che porta ad effettuare approfondimenti che conducono alla diagnosi definitiva, generalmente eseguita attraverso un esame ecografico dell'addome.
Il fegato grasso è una patologia dinamica che, se non adeguatamente trattata, tende ad evolvere nel tempo verso l'infiammazione cronica (steatoepatite non alcolica, NASH), quindi a degenerare nella fibrosi epatica e nell'epatocarcinoma. I neonati SGA sono quelli il cui peso alla nascita è inferiore al 10° percentile. Con il termine SGA non si definisce una malattia, ma semplicemente una categoria di bambini il cui peso alla nascita è minore rispetto a quello mediamente misurato nei neonati di pari età gestazionale e sesso.
La steatosi epatica è la malattia di fegato più diffusa nel mondo occidentale: colpisce infatti tra il 5-15% della popolazione pediatrica generale. Queste stime aumentano se si considera la sottopopolazione di bambini obesi: in questo caso la prevalenza del fegato grasso oscilla tra il 30 e il 40%.
Le più recenti indagini ISTAT hanno confermato il trend in calo delle nascite in Italia: nel 2016 sono venuti alla luce circa 474 mila bambini (-17 mila rispetto al 2015). Di questi, circa il 10% è nato piccolo per età gestazionale (circa 30-40 mila neonati).
Lo studio ha valutato 208 bambini e adolescenti affetti da steatosi epatica documentata istologicamente, suddivisi in sottogruppi in funzione del peso alla nascita. Nei bambini nati piccoli per età gestazionale, circa il 12% di tutta la popolazione, è stata evidenziata una più alta prevalenza di infiammazione del fegato e soprattutto di steatosi severa (69%) rispetto agli altri pazienti. È stato quindi dimostrato che essere nati SGA, rispetto a non esserlo, incrementa di 4 volte il rischio di sviluppare steatosi grave. Il rischio è aumentato ulteriormente se si considerano altri fattori concomitanti come l'insulino-resistenza o la presenza di mutazioni genetiche che predispongono alla patologia.
«Queste evidenze - spiega Valerio Nobili, responsabile di Malattie Epatometaboliche del Bambino Gesù - forniscono la possibilità di applicare adeguate politiche di prevenzione nei confronti della popolazione di bambini SGA che potranno essere precocemente monitorati per evitare l'insorgenza di steatoepatite. Inoltre, nel caso di pazienti già affetti da fegato grasso, il compito dei pediatri sarà quello di considerare i nati piccoli per età gestazionale come bambini con un maggior rischio di sviluppare forme gravi della patologia e di essere quindi più stringenti nel controllo della malattia».

Leggi altre informazioni
08/06/2017 Arturo Bandini


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante