(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) non condizionante di GRIFOLS, ha organizzato un ciclo di incontri online dal titolo "DAAT’S PLACE".
“Il deficit di alfa-1-antitripsina è una malattia ereditaria causata dalla mutazione del gene SERPINA1, responsabile della produzione della proteina AAT, un inibitore delle proteasi con azione soprattutto anti-infiammatoria su diversi tipi di cellule – ha spiegato la Dott.ssa Anna Annunziata, U.O.C. di Fisiopatologia e Riabilitazione Respiratoria, Ospedale Monaldi, Napoli durante l’evento – Il deficit di AAT è associato al rischio di sviluppo di patologie epatiche e disturbi respiratori come enfisema polmonare, asma, bronchiectasie e broncopneumopatia cronica ostruttiva. È evidente che si tratta di una condizione con importanti limitazioni nelle attività quotidiane e con una notevole influenza sull’aspettativa di vita dei pazienti”.
Un’accelerazione dei tempi della diagnosi – ci sono casi in cui il ritardo sfiora gli otto anni – che si effettua attraverso test quantitativi e genetici, e un tempestivo e continuo accesso alle terapie potrebbe ribaltare la situazione per i pazienti. A maggior ragione se a ciò si associa un corretto e sano stile di vita. “Una caratteristica importante delle forme polmonari di DAAT consiste nell’interazione con l’ambiente: il rischio aumenta di molte volte se il paziente è sottoposto a polveri o fumo di sigaretta – ha affermato il Dott. Alessandro Colucci D’Amato, Psichiatra e Psicoterapeuta, Ospedale Monaldi, Napoli – Adottare un comportamento ottimale e praticare esercizio fisico con regolarità, seguire un regime alimentare equilibrato e ricorrere alla riabilitazione, quando è opportuno, sono raccomandazioni che possono sicuramente aiutare il paziente. È quindi fondamentale incentivare la disassuefazione dal fumo e i Centri antifumo, in tal senso, possono essere davvero di supporto per il paziente grazie anche ai percorsi e i relativi programmi personalizzati”.
Tra i trattamenti disponibili per la patologia polmonare da deficit di alfa1-antitripsina va ricordato che, a differenza di altre malattie rare per cui non è disponibile un trattamento specifico, per il DAAT esiste la possibilità di effettuare la terapia sostitutiva con la proteina AAT ricavata dal plasma di donatori sani.
Notizie specifiche su: deficit, genetica, antitripsina, 17/11/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Nuovo farmaco per la distrofia di Duchenne

Tofersen per una forma rara di Sla

  • Tofersen per una forma rara di Sla Primo farmaco a ricevere parere positivo
    (Leggi)


Prima terapia per l’atassia di Friedreich

Terapia genica per l’Ada-Scid

La terapia Crispr per l’angioedema ereditario

L’Intelligenza Artificiale per la fibrosi cistica

  • L’Intelligenza Artificiale per la fibrosi cistica Nuove prospettive di cura per la patologia respiratoria
    (Leggi)


L’editing genetico per la fenilchetonuria

  • L’editing genetico per la fenilchetonuria Cura possibile con due nuove versioni di Crispr
    (Leggi)


Sma, nuovi dati su nusinersen

Gemelli digitali e biologici per curare 5 malattie

  • Gemelli digitali e biologici per curare 5 malattie Da utilizzare in test senza il ricorso alla sperimentazione animale
    (Leggi)


Prima terapia genica per la distrofia di Duchenne

  • Prima terapia genica per la distrofia di Duchenne Approvato un farmaco per il trattamento dei pazienti pediatrici
    (Leggi)


Il ruolo di una proteina nella sindrome SINO

  • Il ruolo di una proteina nella sindrome SINO KIDINS220 coinvolta nella forma di paralisi spastica ereditaria
    (Leggi)


Creati i primi embrioni umani sintetici

  • Creati i primi embrioni umani sintetici Partendo dalle staminali, senza ovuli e spermatozoi
    (Leggi)


Diventare genitori anche con la PKU

  • Diventare genitori anche con la PKU Opportuno seguire correttamente la terapia e pianificare la gravidanza
    (Leggi)


Nuovo farmaco per la Sindrome di Rett

  • Nuovo farmaco per la Sindrome di Rett Trofinetide allevia i sintomi dei pazienti con la malattia rara
    (Leggi)


Orkambi per la fibrosi cistica nei bambini

  • Orkambi per la fibrosi cistica nei bambini Parere positivo del Chmp per i pazienti fra 1 e 2 anni
    (Leggi)


Correzione genetica nella sindrome ICF

  • Correzione genetica nella sindrome ICF  Nuove prospettive di cura per la malattia
    (Leggi)


Nuova cura possibile per la Sma

  • Nuova cura possibile per la Sma Scoperto nesso fra livelli di neuroinfiammazione e severità della malattia
    (Leggi)


Nuove scoperte sulla malattia di Kennedy

  • Nuove scoperte sulla malattia di Kennedy Analizzati i meccanismi di tossicità della malattia
    (Leggi)


Sma, risdiplam funziona

  • Sma, risdiplam funziona I risultati a 2 anni confermano i benefici del farmaco
    (Leggi)