(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) a livello dei reni e delle ossa nei pazienti con HIV.
Tre degli studi in corso sono stati concepiti per investigare l’efficacia e la sicurezza di BIC/F/TAF rispetto ai regimi contenenti dolutegravir (50 mg; DTG) tra i pazienti naïve al trattamento e tra i pazienti virologicamente soppressi provenienti da un precedente regime antiretrovirale. Un quarto studio condotto su pazienti virologicamente soppressi confronta il passaggio a BIC/F/TAF rispetto alla permanenza in un regime soppressivo composto da due inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa e un inibitore della proteasi.
«Questo regime sperimentale a singola compressa riunisce la potenza di un inibitore dell’integrasi – bictegravir – con il consolidato profilo di efficacia e sicurezza del trattamento a base di TAF ed emtricitabina», ha affermato Andrea Antinori, Direttore U.O.C. Immunodeficienze Virali, Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, IRCCS, Roma. «Sulla base di quanto emerso dai risultati di questi studi di Fase III, la combinazione di bictegravir e F/TAF rappresenta, al momento, un progresso di assoluto rilievo nel trattamento con triplice terapia. La combinazione di bictegravir e F/TAF si è dimostrata non-inferiore rispetto a regimi standard of care sia nel trattamento del paziente naive che nelle persone che cambiano la terapia in presenza di una soppressione virale, e questo significa avere a disposizione una nuova opzione di trattamento, estremamente sicura ed efficace, per una larga parte dei pazienti affetti da HIV».
Gli studi hanno valutato la sicurezza e l’efficacia di BIC/F/TAF rispetto alle associazioni abacavir/dolutegravir/lamivudina (600/50/300 mg; ABC/DTG/3TC) e DTG + F/TAF in 600 pazienti naïve al trattamento per ciascuno studio. Lo Studio 1844 ha valutato la sicurezza e l’efficacia del passaggio da un regime basato su DTG e ABC/3TC o da una combinazione a dose fissa di ABC/DTG/3TC a BIC/F/TAF in 520 adulti virologicamente soppressi (livelli di HIV-1 RNA <50 copie/ml). Lo Studio 1878 ha valutato il passaggio a BIC/F/TAF rispetto alla permanenza in un regime composto da atazanavir (300 mg; ATV) o darunavir (800 mg; DRV) + emtricitabina/tenofovir disoproxil fumarato (200/300 mg; F/TDF) o ABC/3TC in 520 adulti virologicamente soppressi.
BIC/F/TAF è risultato non inferiore ai regimi di confronto in tutti e quattro gli studi, con percentuali paragonabili di soggetti che hanno raggiunto livelli di HIV-1 RNA <50 copie/ml (Studi 1489 e 1490) o siano riusciti a mantenere un valore di HIV-1 RNA <50 copie/ml (Studi 1844 e 1878). Inoltre, in tutti gli studi BIC/F/TAF è stato ben tollerato; nessun paziente ha interrotto il farmaco in studio a causa di eventi renali e non è stata identificata alcuna resistenza emergente al trattamento con BIC/F/TAF.


Leggi altre informazioni
13/06/2017 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante