(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) delle cellule. La nostra idea è di usare ciò che il cervello impiega normalmente per lavorare: gli ioni appunto. Se riuscissimo a cambiare la concentrazione di qualcuno di questi ioni microscopici, che stanno in prossimità di ciascuna delle cellule del cervello, potremmo cambiarne la reattività, potremmo spegnere oppure accendere questa cellula».
Per ottenere questo risultato è necessario innanzitutto che il nanodispositivo sia fabbricato con materiali bio-compatibili per non essere oggetto della risposta immunitaria del nostro organismo.
Devono funzionare come «antenne», in grado di ricevere correttamente i segnali elettrici dalle cellule, e come «pompe» per iniettare o aspirare gli ioni. «Esistono già dei polimeri che sono in grado di comportarsi come spugne e questi polimeri possono anche essere realizzati in modo microscopico», racconta il professor Giugliano. Vengono utilizzati nelle batterie elettroniche di nuova generazione.
«Nel nostro caso, questi polimeri sarebbero usati come “macchine molecolari” per intrappolare o rilasciare specifici ioni nelle aree che circondano i neuroni. Così facendo potremmo modulare l’attività delle cellule nervose utilizzando il loro stesso linguaggio, quello che usano normalmente per comunicare. In questo modo si potrebbero trattare malattie neurologiche come anche il Parkinson attraverso un sistema “naturale” e, per questo, più efficiente».
In vitro, su cellule nervose estratte dai ratti il microchip ha dimostrato di poter funzionare. «Le immagini al microscopio elettronico mostrano le nostre antenne nanoscopiche “inglobate” dalle cellule nervose, creando così un accoppiamento meccanico ed elettrico fenomenale che ci permette di registrare l’attività elettrica con una accuratezza e una precisione senza precedenti».
«Servirà una sperimentazione in vivo su modelli animali di malattia, premessa indispensabile per uno studio clinico vero e proprio rispetto al quale tuttavia servono risorse economiche ingenti. Prevediamo quindi un iter di almeno 10-15 anni. Se dovesse funzionare sull’epilessia rappresenterebbe comunque una specie di stele di Rosetta, permettendoci di apprendere un linguaggio che potrebbe essere utilizzato nella cura di diverse condizioni neurologiche o neurodegenerative».

23/09/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Un algoritmo prevede le crisi epilettiche

  • Un algoritmo prevede le crisi epilettiche Un complesso modello matematico può aiutare i pazienti
    (Leggi)


Una terapia genica per l’epilessia

  • Una terapia genica per l’epilessia Regola l’eccitabilità neuronale in un circuito chiuso
    (Leggi)


Sindrome di Dravet, fenfluramina per le crisi epilettiche

  • Sindrome di Dravet, fenfluramina per le crisi epilettiche Disponibile il farmaco che riduce le crisi convulsive
    (Leggi)


Quando il cervello è troppo connesso

  • Quando il cervello è troppo connesso Alterazione della comunicazione neurale nell’epilessia temporale
    (Leggi)


Epilessia, ecco le cause della cronicizzazione

Epilessia, efficace il cenobamato

  • Epilessia, efficace il cenobamato Opzione terapeutica ora disponibile anche in Italia
    (Leggi)


Epilessia, efficace brivaracetam

Studiare l’epilessia grazie alle staminali

  • Studiare l’epilessia grazie alle staminali Si possono esaminare i neuroni di un paziente senza prelevarli
    (Leggi)


Epilessia, il possibile ruolo degli astrociti

  • Epilessia, il possibile ruolo degli astrociti Scoperti meccanismi modulatori nelle trasmissioni sinaptiche
    (Leggi)


L’inquinamento aumenta il rischio di epilessia

  • L’inquinamento aumenta il rischio di epilessia Crisi epilettiche più frequenti con concentrazioni elevate di CO
    (Leggi)


Epilessia, l’olio di Cbd funziona?

  • Epilessia, l’olio di Cbd funziona? Il rimedio naturale potrebbe offrire un’alternativa preziosa
    (Leggi)


Cannabis utile nell’epilessia infantile

  • Cannabis utile nell’epilessia infantile Ridotto il numero di crisi epilettiche mensili
    (Leggi)


Un microchip per spegnere l’epilessia

  • Un microchip per spegnere l’epilessia Progetto italiano per regolare l’attività elettrica dei neuroni
    (Leggi)


Epilessia ed emicrania legate da un gene

  • Epilessia ed emicrania legate da un gene Una mutazione a carico di PRRT2 favorisce le due patologie
    (Leggi)


Epilessia, la dieta chetogenica riduce le crisi

  • Epilessia, la dieta chetogenica riduce le crisi Oltre la metà dei pazienti liberi da attacchi
    (Leggi)


Radiazioni microscopiche per curare l'epilessia

  • Radiazioni microscopiche per curare l'epilessia L'obiettivo è disconnettere le aree del cervello dove nascono gli episodi
    (Leggi)


Epilessia, la chirurgia migliora la connettività cerebrale

  • Epilessia, la chirurgia migliora la connettività cerebrale Diventa simile a quella delle persone sane
    (Leggi)


Amartoma ipotalamico, nuove cure possibili

  • Amartoma ipotalamico, nuove cure possibili Nuovi trattamenti per la patologia che può causare epilessia
    (Leggi)


Dalla cannabis un rimedio per l'epilessia

  • Dalla cannabis un rimedio per l'epilessia Farmaco basato sulla cannabis sembra efficace
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante