(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) tipo 2, colesterolo, livelli di trigliceridi e fumo, oltre alla limitazione del sale e a una dieta di tipo mediterraneo, e, se possibile, a un'attività aerobica di intensità moderata per almeno 10 minuti quattro volte a settimana o di intensità vigorosa per almeno 20 minuti due volte a settimana.
Auspicabile anche la presenza di un team multidisciplinare e l’adozione di un processo decisionale condiviso con il paziente.
Sono necessari, inoltre, screening, diagnosi di fibrillazione atriale e terapia antitrombotica per tutti i pazienti senza controindicazioni. A tal proposito, gli scienziati sottolineano che la combinazione di antipiastrinici e anticoagulanti non è raccomandata di norma per prevenire il secondo ictus. La doppia terapia antiaggregante è raccomandata solo a breve termine e per pazienti specifici, vale a dire quelli con ictus e Tia ad alto rischio o stenosi sintomatica grave.
Nei pazienti che presentano un restringimento delle arterie nel collo dovrebbero essere presi in considerazione l'endoarterectomia carotidea, la rimozione chirurgica di un'ostruzione o, in casi selezionati, l'uso di uno stent nell'arteria carotide.
La gestione medica aggressiva dei fattori di rischio e la doppia terapia antiaggregante a breve termine sono preferibili per i pazienti con stenosi intracranica grave, nei casi in cui si ritenga che questa sia la causa dell’evento.

Fonte: Stroke


Leggi altre informazioni
17/06/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante