Sezioni medicina


Sindrome coronarica acuta, efficace alirocumab

L'inibitore della Pcsk9 riduce il numero dei decessi

Nuovi dati su alirocumab confermano l'efficacia del farmaco nella riduzione del rischio di morte per i soggetti affetti da sindrome coronarica acuta.
I dati sono stati presentati nel corso dell'ultimo congresso dell'American Heart Association di Chicago e sono basati sull'analisi Odyssey outcomes, realizzata su 18,924 pazienti.
L'inibitore della Pcsk9 è associato alla riduzione di decessi per ogni causa in pazienti con recente sindrome coronarica acuta (Acs, cioè infarto del miocardio o angina instabile) e nei pazienti trattati per almeno 3 anni o con livelli di Ldl-C (colesterolo lipoproteico a bassa densità) al basale di almeno 100 mg/dL.
Ulteriori analisi hanno dimostrato un'associazione tra la riduzione degli eventi cardiovascolari (Cv) non-fatali e la riduzione della mortalit√† non-Cv nel corso dello studio. ¬ęRidurre il rischio di mortalit√† dei pazienti √® una priorit√† chiave ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Keywords | colesterolo, alirocumab, Ldl,

Notizie correlate


Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 119257 volte