(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) analizzato i dati sui sinistri assicurativi di oltre sette milioni di persone negli Stati Uniti e valutato il rischio di sviluppare malattia di Alzheimer in 6 anni. Tra questi soggetti hanno in particolare analizzato anche coloro che assumevano sildenafil, tendenzialmente uomini visto che il principio attivo è utilizzato soprattutto per contrastare la disfunzione erettile".
Dopo aver escluso vari fattori confondenti – razza, età, sesso – i ricercatori hanno scoperto che la prescrizione del farmaco era associata a una riduzione del 69% del rischio di diagnosi di Alzheimer dopo 6 anni di follow up.
"In effetti, nei soggetti che hanno assunto per sei anni il farmaco si è riscontrato quasi il 70% in meno di rischio di Alzheimer rispetto a chi non lo ha preso. Ma attenzione: il disegno dello studio - prosegue Agosti - non può dimostrare una relazione diretta tra l'uso del farmaco e il rischio di Alzheimer. È fondamentale chiarire che i ricercatori non hanno testato l'efficacia del sildenafil nei pazienti ma solo una possibile associazione statistica tra assunzione del farmaco e rischio di malattia rispetto all'assunzione di altri farmaci. I ricercatori - prosegue la neurologa - hanno osservato un aumento dei prolungamenti neuronali e una riduzione dei livelli di proteina tau fosforilata, che insieme ad amiloide rappresenta la causa della malattia, suggerendo un possibile effetto benefico del farmaco nell'interrompere il processo neurodegenerativo. Quest’analisi apre la strada a nuove ricerche più approfondite”.
"Non esiste a oggi uno studio che ne testi gli effetti sui pazienti con Alzheimer, ma alcuni studi preclinici in vitro e su modello animale - spiega Agosta - suggeriscono come il sildenafil possa esercitare un effetto protettivo specifico nei confronti dell'Alzheimer sopprimendo l'azione dell'enzima beta-secretasi che partecipa alla formazione dei frammenti di beta-amiloide che sono causa di Alzheimer. Il sildenafil agirebbe quindi sui meccanismi che precedono la formazione della placca di amiloide. Altri studi in vitro hanno valutato la sua efficacia antiossidante. Inoltre, il sildenafil aumenterebbe l'apporto di sangue al cervello e favorirebbe la neurogenesi, quindi potrebbe essere utile per le demenze in generale", prosegue la neurologa che aggiunge: "Sui pazienti è stato condotto uno studio con una singola dose che, però, non ha testato l'efficacia clinica ma ha dimostrato un aumento dell'afflusso sanguigno al cervello. Dunque, nessuna conclusione può essere tratta sull'efficacia clinica e sulla progressione della malattia".
Lo studio presenta comunque dei limiti oggettivi: il Viagra infatti non viene prescritto ai cardiopatici, il che fa supporre che il campione sia statisticamente “viziato”. I fattori di rischio cardiovascolari, infatti, sono associati a maggiori probabilità di Alzheimer.
06/12/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Alzheimer, scoperto un biomarcatore fondamentale

  • Alzheimer, scoperto un biomarcatore fondamentale Forse la vera ragione dell’inefficacia delle terapie
    (Leggi)


Una goccia di sangue per scoprire l’Alzheimer

  • Una goccia di sangue per scoprire l’Alzheimer Nuova tecnologia può rilevare la presenza della malattia
    (Leggi)


Un farmaco per il diabete riduce il rischio di demenza

  • Un farmaco per il diabete riduce il rischio di demenza La terapia con tiazolidindione si mostra efficace
    (Leggi)


I segni della demenza presenti anni prima della diagnosi

  • I segni della demenza presenti anni prima della diagnosi I primi segnali di compromissione cerebrali emergono già 9 anni prima
    (Leggi)


Alzheimer, la stimolazione magnetica funziona

  • Alzheimer, la stimolazione magnetica funziona Rallenta la progressione della malattia migliorando i sintomi
    (Leggi)


Stimolazione ed esercizi contro il declino cognitivo

  • Stimolazione ed esercizi contro il declino cognitivo Nuovo approccio per aumentare la memoria di lavoro
    (Leggi)


Una dieta per contrastare l’Alzheimer

  • Una dieta per contrastare l’Alzheimer Brevi cicli di dieta mima-digiuno sembrano rallentarne la progressione
    (Leggi)


L’Alzheimer preferisce le donne

Diabete e demenza, 7 consigli per ridurre il nesso

  • Diabete e demenza, 7 consigli per ridurre il nesso Abitudini sane possono abbattere il rischio di demenza nei diabetici
    (Leggi)


Nuova speranza contro l’Alzheimer

  • Nuova speranza contro l’Alzheimer Il farmaco lecanemab mostra efficacia nella fase iniziale
    (Leggi)


Alzheimer, scoperto il peptide che lo fa progredire

  • Alzheimer, scoperto il peptide che lo fa progredire LL-37 attiva il meccanismo che consente la progressione della malattia
    (Leggi)


Alzheimer, il rischio sale se hai avuto il Covid

  • Alzheimer, il rischio sale se hai avuto il Covid Gli anziani contagiati mostrano un rischio più elevato
    (Leggi)


L’insonnia aumenta i problemi di memoria

  • L’insonnia aumenta i problemi di memoria Negli anziani sono maggiori le probabilità di un declino della memoria
    (Leggi)


Nuova molecola per l’Alzheimer

  • Nuova molecola per l’Alzheimer Nuovi scenari per la cura della malattia
    (Leggi)


Moc utile per capire le condizioni del cervello

  • Moc utile per capire le condizioni del cervello La densitometria non si limita a valutare la salute delle ossa
    (Leggi)


Un antiepilettico per l’Alzheimer

  • Un antiepilettico per l’Alzheimer L’efficacia di levetiracetam nei pazienti con Alzheimer e attività epilettica
    (Leggi)


Demenza, la rigidità aortica è un fattore di rischio

  • Demenza, la rigidità aortica è un fattore di rischio Rischi maggiori per chi mostra rigidità della parete dell’aorta
    (Leggi)


L’esame del sangue che svela l’Alzheimer

  • L’esame del sangue che svela l’Alzheimer Identifica il rischio di sviluppare precocemente la malattia
    (Leggi)


Alzheimer, elementi per comprendere la neurodegenerazione

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante