(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) significativa dell’incidenza di Covid sintomatico”.
Lo studio Provent ha coinvolto 5.197 soggetti. Oltre il 75% dei soggetti trattati mostrava comorbilità, fra cui condizioni che causano ridotta risposta immunitaria alla vaccinazione. Sono emersi solo 25 casi di Covid-19 sintomatico nell’analisi primaria.
“I dati – spiega Myron J. Levin, professore di pediatria e medicina della University of Colorado School of Medicine e ricercatore principale dello studio – mostrano che una dose di AZD7442, somministrata per via intramuscolare, può prevenire rapidamente ed efficacemente Covid sintomatico. Si tratta di uno strumento importante nel nostro arsenale per aiutare le persone che potrebbero aver bisogno di più di un vaccino per tornare alle loro vite normali”.
“Abbiamo bisogno di approcci aggiuntivi per le persone che non sono adeguatamente protette dai vaccini Covid – gli fa eco Mene Pangalos, Executive Vice President, BioPharmaceuticals R&D – Siamo molto incoraggiati da questi dati di efficacia e sicurezza nelle persone ad alto rischio, che dimostrano che la combinazione di anticorpi a lunga durata d’azione ha il potenziale per proteggere da malattie sintomatiche e gravi, insieme ai vaccini. Non vediamo l’ora di condividere ulteriori dati dal programma di sperimentazione clinica di Fase III entro la fine dell’anno”.
Analisi in vitro dimostrano la capacità di AZD7442 di neutralizzare anche le recenti varianti di Sars-CoV-2, compresa la Delta, ormai dominante in molti paesi del mondo.


14/10/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante