(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) che si verificano nei pazienti umani affetti da Alzheimer. Sottoposti a test mnemonici e di apprendimento, i topi con Dna manipolato ottenevano risultati nettamente inferiori a quelli del gruppo di controllo.
Ciò dimostra, secondo gli autori, che l’amiloide prodotta al di fuori del cervello ha la capacità di causare neurodegenerazione.
Alessandro Padovani, segretario nazionale della Società Italiana di Neurologia e direttore della Clinica neurologica dell'Università di Brescia, commenta: "In letteratura è dimostrato che in persone con Alzheimer vi è un aumentato livello di enzimi epatici e una maggiore sofferenza epatica. Personalmente credo che i pazienti con Alzheimer siano in generale molto sensibili al funzionamento del corpo, che alterazioni epatiche possano determinare infiammazioni sistemiche, e che abbia un ruolo anche il legame tra funzionalità epatica, funzionalità intestinale e microbioma. Insomma - continua Padovani - non penso che il fegato abbia un effetto diretto nello sviluppo dell'Alzheimer, ma penso che ci sia una sinergia di meccanismi che portano le persone a essere meno resilienti rispetto all'accumulo di amiloide. Se io miglioro, o quantomeno non peggioro, la funzionalità epatica garantisco anche una migliore resistenza all'effetto tossico dell'amiloide".
Lo studio suggerisce quindi l’ipotesi dell’Alzheimer come malattia sistemica, una patologia complessa che non si limita a colpire il cervello.
"Il fegato è fondamentale per detossificare e mantenere un adeguato metabolismo. Se funziona male, organi ancora più delicati come il cervello ne risentono. Ecco perché, in generale, nella terapia dell'Alzheimer non dobbiamo sottovalutare le patologie anche minime a carico degli altri organi, e curare il corpo per garantire ai pazienti una maggiore resilienza agli accumuli di amiloide".

20/09/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

L’esame del sangue che svela l’Alzheimer

  • L’esame del sangue che svela l’Alzheimer Identifica il rischio di sviluppare precocemente la malattia
    (Leggi)


Alzheimer, elementi per comprendere la neurodegenerazione

Un test rapido per l’Alzheimer

  • Un test rapido per l’Alzheimer In vendita negli Stati Uniti, segnala un’eventuale predisposizione
    (Leggi)


La TMS contro Parkinson e Alzheimer

  • La TMS contro Parkinson e Alzheimer Le potenzialità della Stimolazione Magnetica Transcranica
    (Leggi)


Gli occhi svelano l’Alzheimer

  • Gli occhi svelano l’Alzheimer Una foto della retina può predire la demenza
    (Leggi)


Rischio di demenza con bassi livelli di acido folico

  • Rischio di demenza con bassi livelli di acido folico Aumenta anche il rischio di morte per qualsiasi causa
    (Leggi)


Un test della memoria per anticipare l’Alzheimer

  • Un test della memoria per anticipare l’Alzheimer L’analisi mnemonica può aiutare a prevedere chi si ammalerà
    (Leggi)


I segni che annunciano l’Alzheimer

  • I segni che annunciano l’Alzheimer Si può prevedere la malattia anche con 15 anni di anticipo
    (Leggi)


Alzheimer, intelligenza artificiale per la diagnosi precoce

  • Alzheimer, intelligenza artificiale per la diagnosi precoce Predice con grande efficacia le persone destinate a sviluppare la malattia
    (Leggi)


Chi dorme male rischia l’Alzheimer

  • Chi dorme male rischia l’Alzheimer Il sonno frammentato causa stress neuronale
    (Leggi)


Un anticorpo monoclonale contro l'Alzheimer

  • Un anticorpo monoclonale contro l'Alzheimer Miglioramenti significativi nelle principali alterazioni
    (Leggi)


Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio

  • Alzheimer, il Viagra sembra ridurne il rischio Effetto positivo del farmaco per la disfunzione erettile
    (Leggi)


Un vaccino per l’Alzheimer

Malati di Alzheimer, ma senza sintomi

  • Malati di Alzheimer, ma senza sintomi Alcuni pazienti beneficiano di un’iperattivazione dei geni MEF2
    (Leggi)


La stimolazione del midollo spinale per l’Alzheimer

  • La stimolazione del midollo spinale per l’Alzheimer Il trattamento consente un recupero delle abilità esecutive
    (Leggi)


Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer

  • Un diuretico potrebbe prevenire l’Alzheimer Dati positivi da bumetanide contro la malattia neurodegenerativa
    (Leggi)


Un nuovo farmaco per l’Alzheimer?

  • Un nuovo farmaco per l’Alzheimer? In sperimentazione l’anticorpo monoclonale gantenerumab
    (Leggi)


Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore

  • Alzheimer, un decalogo per scegliere la struttura migliore Quando si manifestano sintomi precisi è meglio ricoverare il paziente
    (Leggi)


Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer

  • Guardare al nucleo delle cellule per comprendere l’Alzheimer Identifica una proteina che protegge il nucleo cellulare da malformazioni
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante