(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) non essere naturale e che si puo' prevenire'', afferma il prof. David Purdie, che ha guidato il progetto. ''I nostri risultati suggeriscono inoltre che la maggior parte dei danni oculari indotti dai raggi ultravioletti si verifica sotto i 30 anni di eta', ha aggiunto.
Chi è stato esposto alla luce del sole in maniera intense nei primi 20 anni di vita, per poi ridurla nei decenni successivi ha un rischio consistentemente più elevato di essere colpito da ctaratta rispetto a chi ha subito l’esposizione tra i 20 e i 29 anni.
Le cataratte sono la principale causa di cecita al mondo: i non vedenti sono tra 40 e 45 milioni, per la meta a causa delle cataratte, di cui, l’80% sono del tipo detto nucleare. Vi e una soluzione molto semplice per un problema globale molto grave: indossare occhiali da sole con protezione dai raggi ultravioletti (UV). Precedenti studi hanno collegato l’esposizione ai raggi UV alla cataratta corticale, una forma meno comune che coinvolge principalmente la corteccia del cristallino e che consente di vedere meglio di giorno, quando, con la luce, la pupilla ristretta lascia passare i raggi luminosi solo per il centro del cristallino, più trasparente della periferia.



Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante