Sla, a rischio i giocatori di rugby

Incidenza molto maggiore rispetto alla media

I giocatori di rugby rischiano più di altri l'insorgenza della sclerosi laterale amiotrofica. A dirlo è uno studio pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry.
I colpi alla testa rilasciano delle onde d'urto già collegate in passato all'aumento di probabilità di demenza e patologie affini. I ricercatori dell'Università di Glasgow hanno scoperto che gli ex giocatori scozzesi di rugby avevano 2,5 volte più probabilità di sviluppare malattie neurodegenerative rispetto alla media della popolazione.
Lo studio ha messo a confronto i risultati relativi a 412 giocatori di rugby con quelli di oltre 1.200 soggetti della popolazione generale. È emerso che gli ex giocatori erano a più alto rischio di una diagnosi di malattia neurodegenerativa rispetto al gruppo di controllo.
Nel corso del follow up, 47 (11,4%) ex giocatori internazionali di rugby e 67 (5,4%) del gruppo di ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: sla, motoneuroni, rugby,

Notizie correlate


Nuovo approccio contro la Sla Un farmaco antiasmatico potrebbe essere efficace





Sla, alla base un retrovirus? La sua riattivazione potrebbe scatenare la malattia





Sla, ropinirolo la ritarda Il farmaco rallenta la progressione della malattia





Nuova terapia per il lupus eritematoso sistemico Nuove frontiere nella lotta contro le malattie autoimmuni





Le malattie reumatiche dopo il Covid Più frequenti gli episodi di malattie infiammatorie autoimmuni





Un batterio favorisce il lupus R. gnavus è correlato alle sue riacutizzazioni





Sla, alla ricerca di nuovi biomarcatori Coinvolto il metabolismo del colesterolo





Una cura per la sindrome da attivazione macrofagica Efficace l'anticorpo emapalumab





Studiare l'invecchiamento per colpire la Sla Studio evidenzia una base molecolare comune





Inebilizumab per la neuromielite ottica Riduce gli attacchi correlati alla malattia





Identificata una firma molecolare per la diagnosi della SLA Nuova tecnica per la forma di tipo sporadico





Un farmaco per la miastenia gravis Approvato anche in Italia il nuovo trattamento





Anifrolumab per il lupus eritematoso sistemico Consente la riduzione dell'attività di malattia





L'obesità favorisce le malattie autoimmuni Nesso fra aumento del peso e sclerosi multipla e diabete di tipo 1





Miastenia gravis, efficace rituximab Riduce il rischio di deterioramento





Lupus, l'efficacia di deucravacitinib L'inibitore di TYK2 contrasta la malattia autoimmune





Sla, a rischio i giocatori di rugby Incidenza molto maggiore rispetto alla media





Nuova cura per la miastenia gravis Approvato l'anticorpo monoclonale eculizumab





Le CAR-T utili anche contro il lupus 5 pazienti in remissione grazie alla terapia