Ictus, nuovo test scova i coaguli di sangue

Fondamentale per chi soffre di fibrillazione atriale

Ictus_6006.jpg

I pazienti che soffrono di fibrillazione atriale sono a maggior rischio di ictus. Le alterazioni al normale flusso circolatorio legate alla più comune forma di aritmia, infatti, aumentano le probabilità che si formino grumi di sangue che spostandosi nei vasi cerebrali provocano appunto l’ictus.
Si può cercare di scoprirli in anticipo, ma al momento è necessario un esame assai invasivo, l’ecografia transesofagea, di fatto una sonda inserita nella prima parte del tubo digerente attraverso la bocca che richiede pertanto una sedazione.
Una ricerca del Massachusetts General Hospital pubblicata su JACC – Cardiovascular Imaging propone però una soluzione diversa, quella di evidenziare gli accumuli di fibrina con un mezzo di contrasto individuabile in maniera non invasiva grazie a una Pet.
Lo studio diretto da David Sosnovik prevede quindi l’utilizzo di un agente che si lega alla fibrina, ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | ictus, fibrillazione, grumi,

<-- #include virtual="../4strokevideo.inc" -->

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 118522 volte