Sezioni medicina


L'ipertensione giovanile causa invecchiamento cerebrale

Danni al cervello più probabili per chi soffre di pressione alta

La pressione alta è un killer silenzioso per il cuore, ma a volte anche per il cervello. È quanto rivela uno studio della Australian National University secondo cui livelli elevati di pressione sanguigna da giovani hanno l'effetto di aumentare i rischi di invecchiamento cerebrale una volta superati i 50 anni.
Lo studio è stato pubblicato su Frontiers in Aging Neuroscience. I ricercatori hanno esaminato 2.000 scansioni tridimensionali del cervello di soggetti sani fra i 44 e i 76 anni e le hanno incrociate con le letture della pressione. Hanno poi stimato, grazie a processi di machine learning, l'età osservata, che non sempre coincide con quella anagrafica.
È emerso che a parità di fattori di rischio chi ha la pressione più alta mostra anche un cervello mediamente più vecchio, con micro-danni visibili nei vasi sanguigni che rendono più probabili varie malattie come l'ictus, la demenza, ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Keywords | ipertensione, cervello, demenza,

Notizie correlate


Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 2366 volte