(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) visiva. Nessuna alterazione degna di nota è emersa dalla Pet.
"Nella nostra esperienza, i sintomi cognitivi non sono quasi mai associati a un danno visibile a livello neurologico", spiega a Repubblica Paolo Calabresi, Ordinario di Neurologia e Direttore della UOC di Neurologia presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, "e anche gli attuali studi confermano che Covid-19 colpisce il cervello quasi sempre in maniera indiretta".
Il virus infatti non riuscirebbe a penetrare nel cervello, di conseguenza gli effetti negativi sarebbero dovuti all’eccessiva risposta del sistema immunitario e all’estesa infiammazione provocata dalla malattia.
"Parliamo dei pochi pazienti", commenta Calabresi, "con strascichi neurologici e cognitivi anche rilevanti, che hanno però avuto un'insufficienza respiratoria protratta oppure in cui Covid-19 ha causato un ictus cerebrale. La definizione di Long Covid ha i contorni ancora poco definiti e non è del tutto chiara, inoltre, a soffrirne non sarebbe la maggioranza dei guariti: a riferire sintomi per più di un mese è circa il 13% delle persone e per oltre 2-3 mesi soltanto il 5%".
Uno dei disturbi più frequentemente riportati è l’instabilità posturale associata a vertigini, ma la condizione non trova riscontri clinici a un esame obiettivo.
"Poi possono persistere mal di testa, insonnia, palpitazioni, dolori muscolari, formicolii, ansia e stress, di solito non collegati a anomalie neurologiche o neuromuscolari". Come agire in queste situazioni? "I medici rassicurano il paziente sull'assenza di alterazioni degne di nota", specifica il neurologo, "e la persona può essere indirizzata dallo specialista di riferimento, che può essere il neurologo, lo pneumologo, il cardiologo o un professionista della salute mentale, per il trattamento dei sintomi specifici. I casi più resistenti e gravi, che per fortuna sono pochi, sono gestiti da centri specializzati con un'équipe multidisciplinare preparata su Long Covid".
In generale, spiega Calabresi, l’unica cura è il tempo per consentire all’organismo di trovare il proprio equilibrio dopo l’infezione e la battaglia che ne è scaturita.
"In qualche circostanza, poi, ansia e sintomi da stress post-traumatico, legati anche a come si è vissuta una malattia del tutto nuova, possono aver avuto un ruolo, come accade per traumi quali eventi luttuosi, separazioni, perdita del lavoro e malattie importanti. In questi casi è bene chiedere un aiuto, con un supporto psicologico e/o farmacologico mirato".

24/11/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante