(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) è in genere correlata con una prognosi peggiore della malattia.
Il gruppo di ricerca, coordinato da Alberto Ferri e Cristiana Valle della Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e dell’Istituto di farmacologia traslazionale del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ift), ha dimostrato che i meccanismi molecolari alla base delle disfunzioni metaboliche correlate con la Sla possono essere normalizzati da un farmaco, la Trimetazidina, suggerendo che questo approccio possa contribuire a rallentare il decorso della malattia. Il farmaco, già in uso per altre patologie, è stato sperimentato su un modello murino di Sla dove ha agito ripristinando il corretto bilancio energetico cellulare e ostacolando lo sviluppo di processi infiammatori e neurodegenerativi, sia nel midollo spinale che nel nervo periferico. Questa azione neuroprotettiva si è manifestata rallentando la degenerazione dei motoneuroni e della giunzione neuromuscolare e incrementando la forza muscolare. Questo importante risultato è frutto di uno studio preclinico finanziato da Fondazione AriSLA che ha coinvolto diversi centri nazionali ed internazionali ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of Pharmacology.
“Il nostro laboratorio si occupa da anni della comprensione dei meccanismi molecolari che sono alla base delle disfunzioni metaboliche precoci nella Sla”, spiega Alberto Ferri, ricercatore del Cnr-Ift e responsabile del Laboratorio di neurochimica della Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma dove si è svolto lo studio. “L’obiettivo che ci siamo posti è identificare nuovi potenziali approcci terapeutici promuovendo sia lo sviluppo di nuovi farmaci che l’utilizzo di farmaci già approvati, come la Trimetazidina, oggetto di questo studio. L’utilizzo di questo farmaco, che agisce come modulatore metabolico e già utilizzato nella terapia delle disfunzioni coronariche, ha permesso di normalizzare la spesa energetica in un modello preclinico, migliorando le performance motorie e prolungando in modo significativo la sopravvivenza degli animali. Siamo soddisfatti di questi risultati, che hanno contribuito a disegnare uno studio clinico pilota condotto dal gruppo di ricerca australiano dell’Università di Queensland, con cui abbiamo collaborato, per verificare innanzitutto la sicurezza di questo farmaco in pazienti fragili come quelli affetti da Sla”.
“Siamo molto felici di aver sostenuto questo studio preclinico”, commenta il presidente di Fondazione AriSLA, Mario Melazzini, “che ha prodotto risultati così importanti su aspetti rilevanti nell’identificare sul modello animale potenziali bersagli terapeutici e consentire l’avvio di uno studio clinico nello stesso ambito di ricerca. Siamo consapevoli dell’urgente bisogno di terapia per le persone che combattono contro la malattia, ma è necessario rispettare i tempi della ricerca, affinché si valuti la sicurezza e l’efficacia di ogni nuovo approccio terapeutico. Il nostro impegno come Fondazione è di continuare ad investire nell’eccellenza della ricerca con l’obiettivo di poter ottenere ulteriori risultati utili alla sconfitta della malattia”.
07/12/2021 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Nuova cura per la miastenia gravis

  • Nuova cura per la miastenia gravis Approvato l’anticorpo monoclonale eculizumab
    (Leggi)


Satralizumab per la neuromielite ottica

  • Satralizumab per la neuromielite ottica Trattamento somministrabile per via sottocutanea
    (Leggi)


Le CAR-T utili anche contro il lupus

  • Le CAR-T utili anche contro il lupus 5 pazienti in remissione grazie alla terapia
    (Leggi)


Nuovo farmaco contro il lupus

  • Nuovo farmaco contro il lupus Afimetoran mostra la capacità di invertire i sintomi
    (Leggi)


Sla, scoperta una nuova causa

Sclerodermia, rischiosa l’interstiziopatia polmonare

  • Sclerodermia, rischiosa l’interstiziopatia polmonare Da sola rappresenta il 35 per cento dei decessi
    (Leggi)


Il sistema immunitario nella forma giovanile di Sla

  • Il sistema immunitario nella forma giovanile di Sla Svolge un ruolo fondamentale insieme al sistema nervoso centrale
    (Leggi)


Nuovo test per riconoscere l’HLH secondaria

  • Nuovo test per riconoscere l’HLH secondaria Si aprono nuove prospettive per la rara malattia infiammatoria
    (Leggi)


La vitamina B12 rallenta la Sla

  • La vitamina B12 rallenta la Sla Nei pazienti con forme poco aggressive della malattia
    (Leggi)


Il ruolo dell’ambiente nella SLA

  • Il ruolo dell’ambiente nella SLA Nuovi interventi possibili per la correzione di alterazioni metaboliche
    (Leggi)


Vitamina D e Omega 3 contro le malattie autoimmuni

  • Vitamina D e Omega 3 contro le malattie autoimmuni L’importanza dell’integrazione alimentare
    (Leggi)


Sla, accumuli proteici nel sistema nervoso periferico

  • Sla, accumuli proteici nel sistema nervoso periferico Potrebbero avere un ruolo rilevante nella progressione della malattia
    (Leggi)


La mancanza di un enzima favorisce la Sla

  • La mancanza di un enzima favorisce la Sla Responsabile il deficit di ciclofillina A
    (Leggi)


Un farmaco per la miastenia gravis

  • Un farmaco per la miastenia gravis Approvato negli Stati Uniti efgartigimod alfa-fcab
    (Leggi)


Sla, il ruolo di una nuova forma di Rna

  • Sla, il ruolo di una nuova forma di Rna Aggiunto nuovo tassello nella comprensione degli aggregati molecolari
    (Leggi)


Sla, 7 varianti geniche associate alla malattia

  • Sla, 7 varianti geniche associate alla malattia Individuate da uno studio internazionale
    (Leggi)


Sla: identificato un nuovo potenziale bersaglio terapeutico

  • Sla: identificato un nuovo potenziale bersaglio terapeutico Effetti neuroprotettivi mostrati da un farmaco già in uso
    (Leggi)


Nuovo target terapeutico per la Sla

  • Nuovo target terapeutico per la Sla Ricercatori italiani descrivono il ruolo chiave del recettore CXCR2
    (Leggi)


Il freddo rallenta le malattie autoimmuni

  • Il freddo rallenta le malattie autoimmuni Ipotesi di uno studio svizzero realizzato su modello murino
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante