(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) i capelli a sfregarsi fra loro o contro vari oggetti: col tempo, l’attrito provoca usura e rotture, due processi con cui lo scienziato e i suoi colleghi sono molto familiari, anche se di solito studiano quelli di minuscoli motori e ingranaggi. Ecco qualche consiglio per mitigare i danni da abrasione del lavaggio:
Usate sempre un shampoo adatto ai vostri capelli, scegliendo accuratamente il prodotto
Non lavare i capelli troppo spesso. Due o tre volte alla settimana sono sufficienti. Se siete abituati a lavare i capelli ogni giorno provate a saltare un paio di lavaggi alla settimana, magari lavandoli senza usare lo shampoo. Lo shampoo è un po' aggressivo nei confronti dei capelli. Non usate dosi eccessive. Evitate che il prodotto vada direttamente sui capelli, versandolo in un bicchiereno con acqua prima di applicarlo
Massaggiare anche il cuoio capelluto, stimolando la circolazione favorendo una migliore irrorazione alle radici dei capelli.
Sciacquate bene i capelli dopo averli lavati, non lasciare tracce di shampoo che potrebbero irritare il cuoio capelluto. Se volete rivitalizzarli, usate una 'maschera' idratante per i capelli o un balsamo per un periodo più lungo del normale
L’alternativa allo shampoo
Quando vi sono problemi al cuoio capelluto come arrossamenti, prurito, desquamazione (forfora), gli shampoo risultano aggressivi e peggiorano la situazione. In questo caso è meglio utilizzare per lavare i capelli le moderne “creme lavanti”. Si tratta di formulazioni ugualmente lavanti ma non irritanti per la pelle



Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante