I rischi dell’attacco ischemico transitorio

Anche in caso di Tia possono esserci esiti negativi

Ictus_7700.jpg

L’attacco ischemico transitorio (Tia) viene anche definito mini-ictus perché i sintomi che comporta sono simili: perdita di forza nel braccio, difficoltà a camminare, occhi annebbiati, problemi di linguaggio. A cambiare è il fatto che dopo qualche minuto tutto torna nella norma.
Un editoriale apparso su Jama invita a superare il concetto di transitorietà, dal momento che anche in caso di Tia il cervello può rimanere in qualche modo segnato.
La risonanza magnetica ha evidenziato la presenza di segni indotti dalla Tia, con conseguente perdita di neuroni. Secondo l’approccio odierno, Tia e ictus vanno considerati "un continuum di condizioni gravi legate a un’ischemia cerebrale".
Entrambi sono indicatori di disabilità attuale o imminente e rischio di morte. Quindi anche di fronte a un attacco ischemico transitorio bisogna agire subito, evitando di pensare che non si tratti di una ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | Tia, ictus, ischemia,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 184396 volte