(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dell’Alzheimer sono rappresentati da disturbo della memoria, del linguaggio e disorientamento spazio-temporale. Le forme correlabili al Parkinson e Parkinsonismi presentano invece all’inizio deficit dell’attenzione, delle capacità di calcolo, disturbi visuopaziali, per esempio difficoltà di copia di un disegno o disegnare un orologio, difficoltà di programmazione motoria e rallentamento dei movimenti. I pazienti possono avere allucinazioni e in alcuni casi cambiamenti del carattere, apatia e disinibizione”, dice il dott. Sacilotto.
La prevalenza della demenza in generale nei pazienti affetti da malattia di Parkinson oltre i 65 anni è di circa il 30%. Alcuni parkinsoniani possono presentare in realtà una malattia a corpi di Lewy, una tipologia di demenza tra le più diffuse. Quest’ultima ha uno stretto legame con il Parkinson, essendo entrambe malattie associate all’accumulo intraneuronale di una proteina di scarto detta alfasinucleina. “Altre forme di demenza – aggiunge il referente del CDCD dell’ASST Gaetano Pini-CTO –, in particolare la paralisi sopranucleare progressiva (PSP) e la degenerazione cortico-basale (CBD), presentano anch’esse dei sintomi parkinsoniani e sono legate all’accumulo anomalo cerebrale di un’altra proteina strutturale del neurone, detta proteina TAU. Tale proteina, iperfosforilata, è d’altra parte presente anche nel tessuto cerebrale di malati di Alzheimer all’interno di depositi di proteine dette grovigli neurofibrillari. Recentemente la sperimentazione dei farmaci da impiegare per la cura della malattia di Alzheimer si sta proprio concentrando sull’impiego di anticorpi monoclonali anti-TAU che ne bloccano l’accumulo e che possono essere
impiegati anche nella paralisi sopranucleare progressiva”.
Su 684 pazienti con disturbi cognitivi con una età media di 76 anni in cura al CDCD dell’ASST Gaetano Pini-CTO negli ultimi 5 anni il 38,33% presentava una un demenza associata al Parkinson (PDD) o una Malattia a Corpi di Lewy Diffusi (LBD); il 27,81% erano paralisi sopranucleare progressiva (PSP); il 23,63% malattia di Alzheimer; il 7,93% degenerazione cortico-basale (CBD); 2,31% demenza frontotemporale (FTD). “L’elevata casistica delle Taupatie – sottolinea il dott. Sacilotto – ovvero quelle patologie neurodegenerative proteino-correlate che presentano un anomalo metabolismo della Proteina Tau, in particolare la paralisi sopranucleare progressiva e la degenerazione cortico-basale, di cui risultano circa 250 pazienti nel nostro database nell’ultimo quinquennio, consentono al nostro centro di essere in prima linea per la possibilità di sperimentare nuove terapie (cellule staminali, anticorpi monoclonali anti-TAU). Partecipiamo, inoltre, a studi volti alla individuazione di marker per la diagnosi precoce della malattia a corpi di Lewy, grazie alle tecniche per l’individuazione dell’alfasinucleina nella cute dei malati di Parkinson oltre a disporre di una banca dei tessuti nervosi e del DNA per conoscere più a fondo i meccanismi che ne sono alla base”.

Leggi altre informazioni
21/09/2020


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.

Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante