L’invecchiamento dipende dal numero di mutazioni

Nesso dimostrato fra quantità di alterazioni genetiche e invecchiamento

Invecchiamento_7969.jpg

C’è un paradosso biologico alla base della durata della vita delle specie animali. Più quest’ultima è lunga, minore sarà l’accumulo di mutazioni genetiche nel suo Dna. A confermare il paradosso è uno studio pubblicato su Nature da ricercatori del Wellcome Sanger Institute e della Società zoologica di Londra, che hanno confrontato il tasso di accumulo delle mutazioni in vari mammiferi, fra cui l’uomo.
Nella maggior parte dei casi, le mutazioni cui il nostro organismo è sottoposto sono innocue, ma alcune possono compromettere il funzionamento della cellula, spingendola verso un invecchiamento precoce o un’evoluzione tumorale.
"In altre parole, più lunga è la vita di un organismo, più alto è il numero di mutazioni che sarebbe lecito aspettarsi, incluse quelle dannose", spiega Maurizio Genuardi, professore di genetica medica dell'Università Cattolica a Roma e presidente della Società ...  (Continua) leggi la 2° pagina articolo di salute altra pagina

Keywords | invecchiamento, mutazioni, Dna,

Notizie correlate













































































Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it
ADD BOOKMARK

ai preferiti di salute

Abbonati ai Feed Rss Mailing List Di OKMEDICNA.IT, gli ultimi aggiornamenti 
              sulla salute e la medicina La Pubblicit su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante

Avvertenze Privacy a norma Regolamento UE 2016/679 GDPR.


Questa pagina è stata letta 1056 volte