(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) e con campioni di modeste dimensioni.
Gli scienziati californiani hanno realizzato uno studio di coorte longitudinale sui dati delle cartelle sanitarie elettroniche dell’Health Improvement Network (THIN) britannico, che includeva pazienti di età compresa tra 60 e 100 anni senza precedente di diagnosi di demenza.
In totale, hanno partecipato allo studio 1,7 milioni di persone, circa 57mila dei quali hanno avuto una diagnosi di demenza su 12.618.801 anni persona di follow-up, pari a un tasso di incidenza 45/10.000 anni persona. L'eczema è stato diagnosticato nel 12% dei soggetti (poco più di 213mila) con diagnosi di demenza. Tra questi 94.926 soggetti soddisfacevano i criteri diagnostici per l'eczema atopico prima dell'inizio del follow-up e 118.518 durante il follow-up.
Fra i pazienti con dermatite l’incidenza era di 57/10.000 anni persona (12,1% della popolazione studiata) rispetto a 44/10.000 anni persona in quelli senza eczema. Dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti il risultato si è tradotto in un aumento complessivo del rischio di demenza del 27% nei soggetti con eczema, con il rischio più elevato in caso di malattia cutanea grave.
«Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare il meccanismo attraverso il quale la dermatite atopica è correlata alla demenza», hanno spiegato gli autori. «Ipotizziamo che possa essere correlato all'infiammazione, dal momento che i pazienti con eczema atopico hanno livelli più elevati di marcatori infiammatori sierici, che sono stati collegati a cambiamenti strutturali nella sostanza bianca, declino cognitivo e demenza. La dermatite è stata inoltre associata a scarsità di sonno, un fattore che può essere coinvolto nella patogenesi della demenza. I pazienti con eczema atopico in un'ampia coorte di assistenza primaria basata sulla popolazione mostravano un piccolo aumento del rischio di demenza. Questa condizione dermatologica è comune tra gli anziani, quindi in futuro andrebbe studiato l'impatto dello screening dei pazienti con eczema atopico per il deterioramento cognitivo nell'età adulta».
28/04/2022 Andrea Sperelli


Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai le notizie più importanti.

Notizie correlate

Paralisi di Bell, gli steroidi non servono nei bambini

  • Paralisi di Bell, gli steroidi non servono nei bambini Nella maggior parte dei casi la guarigione è spontanea
    (Leggi)


Come funzionano i due lati del cervello

  • Come funzionano i due lati del cervello Capacità predittive diverse per i due emisferi
    (Leggi)


Origine comune per Alzheimer e Parkinson?

  • Origine comune per Alzheimer e Parkinson? Alla base potrebbe esserci lo stesso meccanismo neurodegenerativo
    (Leggi)


I giovani soffrono di disorientamento topografico

  • I giovani soffrono di disorientamento topografico L’incapacità di capire dove ci si trova è un disturbo neuropsicologico
    (Leggi)


Covid, sintomi neurologici a distanza di mesi

  • Covid, sintomi neurologici a distanza di mesi Il passaggio dalla fase acuta a quella cronica può durare molto
    (Leggi)


Mondiali, stress positivo per il cervello

  • Mondiali, stress positivo per il cervello La tensione e le emozioni forti non sono necessariamente negative
    (Leggi)


Cosa succede quando si muore?

  • Cosa succede quando si muore? Le esperienze di premorte nei pazienti rianimati
    (Leggi)


I videogiochi fanno anche bene

  • I videogiochi fanno anche bene Secondo uno studio migliorerebbero le capacità cognitive
    (Leggi)


Gli effetti positivi del pesce sul cervello

  • Gli effetti positivi del pesce sul cervello Gli Omega 3 mantengono l’organo giovane
    (Leggi)


Ridurre la pressione allontana la demenza

  • Ridurre la pressione allontana la demenza Il trattamento antipertensivo diminuisce il rischio della malattia
    (Leggi)


Il ruolo di Syk nella neuroinfiammazione

  • Il ruolo di Syk nella neuroinfiammazione La proteina tirosin-chinasica della milza può essere inibita
    (Leggi)


La risposta muscolo-scheletrico all'ipossia

  • La risposta muscolo-scheletrico all'ipossia L’obiettivo è capire il ruolo dell’esercizio fisico nell’adattamento in quota
    (Leggi)


Halloween, qualche brivido fa bene al cervello

  • Halloween, qualche brivido fa bene al cervello Vengono rilasciati dei neurotrasmettitori che fanno bene all’organismo
    (Leggi)


La frequenza delle onde cerebrali

  • La frequenza delle onde cerebrali Veicolano informazioni con modulazioni di ampiezza (AM) e frequenza (FM)
    (Leggi)


La fibromialgia minaccia la qualità di vita

  • La fibromialgia minaccia la qualità di vita Necessaria una valutazione psichiatrica delle pazienti
    (Leggi)


I multivitaminici riducono il rischio di declino cognitivo

  • I multivitaminici riducono il rischio di declino cognitivo Migliorata la memoria episodica negli anziani
    (Leggi)


Pensare stanca

  • Pensare stanca Il responsabile è l’accumulo di glutammato
    (Leggi)


Nuovo bersaglio terapeutico per le malattie da prioni

  • Nuovo bersaglio terapeutico per le malattie da prioni Descritta la patogenesi delle gravi malattie neurodegenerative
    (Leggi)


Covid, donne più colpite dai disturbi neurologici

  • Covid, donne più colpite dai disturbi neurologici Il neuroCovid sembra più frequente nel sesso femminile
    (Leggi)


Keywords |

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante