I danni cardiovascolari causati dagli stupefacenti

Il danno d'organo è spesso silente nelle prime fasi

Le sostanze stupefacenti hanno effetti deleteri sull'organismo, questo è noto. Non molti però pensano con la dovuta attenzione ai danni al cuore causati dagli stupefacenti.
Il prof. Domenico Gabrielli - Presidente Fondazione per il Tuo cuore e Direttore Cardiologia dell'Ospedale San Camillo di Roma - ha dichiarato: “La presenza di un danno d'organo cardiaco che può rimanere a lungo asintomatico, dando la falsa impressione di essere sani, il fatto che il più delle volte il danno d'organo si sviluppa lentamente nel tempo senza dare particolari sintomi durante le assunzioni, la sottostima delle diagnosi di cardiopatie determinate o favorite dall'uso di sostanze psicoattive e il fatto che ci sia poca sensibilità, e molta reticenza a parlare, cosi come si dovrebbe, di queste tematiche contribuiscono alla erronea convinzione che le sostanze stupefacenti non facciano poi cosi tanto male al cuore ...  (Continua) leggi la 2° pagina

Notizie su: stupefacenti, cuore, danni,

Notizie correlate


Anche il cuore ha un cervello Le cellule cardiache possono ringiovanire e autoripararsi





Un test per la morte cardiaca improvvisa Un algoritmo identifica le persone a rischio





Un decalogo per resistere al caldo Misure di prevenzione per salvaguardare la salute





La droga aumenta i rischi per il cuore Nesso fra utilizzo di cannabis e altre droghe e conseguenze cardiovascolari





I danni cardiovascolari causati dagli stupefacenti Il danno d'organo è spesso silente nelle prime fasi





Le bevande energetiche aumentano il rischio di aritmie Nei pazienti con problematiche cardiache di natura genetica





Niente alcol in volo, fa male al cuore Effetti potenzialmente pericolosi soprattutto per i voli a lungo raggio





La Bpco aumenta il rischio di eventi cardiovascolari Dopo una riacutizzazione il rischio si impenna





10 regole per le malattie cardiovascolari La premessa necessaria è la presa di coscienza del problema





Gli effetti di aficamten in caso di cardiomiopatia Il farmaco migliora la capacità di esercizio dei pazienti





Un cardiologo allunga la vita Essere seguiti da un professionista riduce il rischio cardiovascolare





La sindrome del cuore infranto parte del cervello Alcuni soggetti mostrano una base funzionale a livello encefalico





Covid, i rischi per il cuore durano anni L'aumento del rischio non è limitato alla fase acuta





Diabete, come calcolare il rischio cardiaco Uno screening in due fasi può stimarne le probabilità





La cardiopatia congenita mette a rischio il ritmo cardiaco Un paziente su cinque sviluppa un'anomalia della frequenza





La cannabis fa male al cuore Nessun tipo di consumo è privo di effetti collaterali





Covid, meno rischi per il cuore in chi è vaccinato Netta diminuzione dei rischi di complicazioni cardiache





Il fumo passivo favorisce la fibrillazione atriale Le probabilità di soffrirne aumentano se esposti al fumo passivo





Stop all'approccio “a bikini” alla salute femminile Nuovi dati sul gender gap nella cura delle malattie cardiovascolari